modulisticadetrazioni Irpef lavoro dipendentedetrazioni Irpef redditi di pensionedetrazioni Irpef per figli a carico
normativadetrazioni Irpef coniuge a caricodetrazioni Irpef altri familiari a caricocalcolo online dell'imposta Irpef
news redditiguida pratica grammatica italianacalcolo dei percorsi su Google Mapscalcolo online rateazione Irpef
Se ti piace questa pagina, clicca sui seguenti pulsanti               Google +   

Calcolo Rate Irpef on line

Calcolo Irpef online con rate di acconto e saldo
Calcolo rate Irpef online con tutte le rateazioni
Detrazioni Irpef per coniuge a carico
Detrazioni Irpef per figli a carico
Detrazioni Irpef per altri familiari a carico
Detrazioni Irpef per redditi di lavoro dipendente
Detrazioni Irpef per redditi di pensione
I modelli per la dichiarazione dei redditi
Le norme in materia di dichiarazione dei redditi
Le ultime notizie sulla dichiarazione dei redditi
Norme su famiglia, separazione e divorzio

›› CALCOLO RATE IRPEF 2016 CON TUTTE LE RATEIZZAZIONI

Con queste calcolatrici on line il contribuente può calcolare subito tutte le rate per il versamento dell'imposta Irpef e di altre imposte che risultano dalla dichiarazione dei redditi (Modello Unico, Modello 730), come previsto dall'Agenzia delle Entrate che concede la possibilità di versare in rate mensili le somme dovute a titolo di accconto o di saldo. La rateazione è facoltativa e può riguardare singoli importi (ad esempio, è possibile dilazionare il pagamento del primo acconto Irpef e versare il saldo in un'unica soluzione, o viceversa). Nella prima calcolatrice, basata sull'Irpef da pagare, per ottenere l'ammontare delle singole rate è sufficiente digitare nelle apposite caselle l'imposta Irpef da versare, selezionare la tipologia di contribuente (con o senza Partita Iva), scegliere se pagare secondo le scadenze regolari o con ritardo (subendo una maggiorazione minima), decidere qual è il numero di rate più conveniente. La rateizzazione dell'imposta verrà mostrata in modo immediato ed automatico. Nella seconda calcolatrice, basata sull'ammontare totale dell'acconto, è sufficiente digitare il valore della rata già sborsata per ottenere il valore residuo di quanto dovuto al fisco (si ricorda che la prima rata dell'acconto ammonta al 40% del totale, mentre la seconda al restante 60%). Il programma non memorizza alcun dato e può essere usato anche disconnettendosi da internet.

  Calcolo rate Irpef on line

Imposta Irpef da versare euro
Tipologia di contribuente tipo
Data della prima rata data
Numero di rate numero

  Calcolo rate Acconto Irpef

Ammontare totale dell'acconto da pagare euro
Importo della rata di acconto già pagata euro
La rata già pagata includeva la maggiorazione?  
no
Note per il calcolo della rateazione Irpef
  • Per utilizzare queste calcolatrici, digitare la virgola (,) come separatore delle cifre decimali.
  • Nel calcolo delle rate Irpef, gli importi sono arrotondati al centesimo superiore o inferiore, poiché si tratta di calcoli successivi alla dichiarazione dei redditi del contribuente. In pratica, vengono indicate due cifre decimali, seguendo la consueta regola: fino alla cifra 49, si arrotonda per difetto; se la cifra è superiore, si arrotonda per eccesso. Nei modelli di dichiarazione, invece, si esegue l'arrotondamento all'unità di euro inferiore o superiore, senza decimali.
  • Si ricorda che il contribuente non deve eseguire alcun versamento se l'importo risultante dalla dichiarazione dei redditi è inferiore a 12 euro per le somme dovute a titolo di Irpef e di addizionali comunali e regionali.
  • Si ramenta anche che, se il reddito complessivo ai fini Irpef è composto soltanto dai redditi di terreni e di fabbricati per un importo complessivo non superiore a 500 euro, l'imposta non è dovuta.
  • Per il pagamento delle imposte, i contribuenti devono utilizzare il modello di versamento F24, disponibile anche online tramite i siti web delle Poste e degli istituti di credito. I titolari di Partita Iva devono effettuare i versamenti per via telematica, avvalendosi dei servizi dell'Agenzia o di quelli dedicati all'home banking forniti da banche e Poste.
  • Se gli interessi per una rata sono inferiori a 1,03 euro, non devono essere versati; pertanto, non vengono calcolati.
Modalità di calcolo Irpef

L'acconto Irpef può essere determinato con il metodo storico o con il metodo previsionale.
  • Con il metodo storico l'acconto viene calcolato sulla base dell'imposta relativa all'anno precedente, cioè quella indicata nella dichiarazione.
  • Con il metodo previsionale l'acconto viene calcolato sulla base al reddito che si prevede di ottenere per l'anno in corso. Tale metodo richiede cautela, perché si rischia di incorrere in sanzioni con relativi interessi nel caso in cui l'acconto si rivelasse insufficiente.

Codici tributo Irpef
  • 4033 - Acconto prima rata Irpef.
  • 4034 - Acconto seconda rata o unica soluzione Irpef.
  • 4001 - Saldo Irpef.
  • 1989 - Interessi sul ravvedimento Irpef.
  • 8901 - Sanzione pecuniaria Irpef.
  • 1668 - Interessi pagamento dilazionato modello di versamento unitario.

Scadenze dei versamenti
  • La scadenza ordinaria per il versamento del primo acconto Irpef è fissata al 16 giugno di ogni anno.
  • La scadenza straordinaria per il versamento del primo acconto Irpef è fissata al 16 luglio di ogni anno, con una maggiorazione dello 0,4% della somma dovuta.
  • Se le scadenze dei versamenti coincidessero con il sabato o con un giorno festivo, le stesse scadenze sarebbero prorogate al primo giorno lavorativo successivo.
  • Il pagamento dell'acconto Irpef si può effettuare in un'unica soluzione, o si può rateizzare.
  • Queste sono le istruzioni impartite dell'Agenzia delle Entrate. L'eventuale prima rata di acconto che risulta dal Modello Unico Pf (persone fisiche) deve essere versata entro il 16 giugno dell'anno in cui si presenta la dichiarazione, oppure entro i successivi 30 giorni pagando una maggiorazione dello 0,40%. La scadenza per l'eventuale seconda o unica rata di acconto è fissata, invece, al 30 novembre. L'acconto Irpef è dovuto se l'imposta dichiarata in quell'anno (riferita, quindi, all'anno precedente), al netto delle detrazioni, dei crediti d'imposta, delle ritenute e delle eccedenze, è superiore a 51,65 euro; se si fa riferimento al Modello Unico, la soglia è di 52 euro, poiché lo stesso Modello richiede l'arrotondamento delle cifre all'euro superiore o inferiore. Con la conversione in legge del Decreto lavoro (art. 11 commi 18-20 del decreto legge 76/2013, convertito dalla legge 99/2013), l'acconto Irpef è stato portato al 100%; in precedenza, era fissato al 99% dell'imposta dichiarata nell'anno. L'acconto deve essere pagato in una o due rate, a seconda dell'importo: 1) unico versamento, entro il 30 novembre, se l'acconto non supera 257,52 euro; 2) due rate, se l'acconto è pari o superiore a 257,52 euro (la prima rata del 40% scade il 16 giugno e la seconda costituita dal restante 60% va saldata entro il 30 novembre).
  • Come sopra anticipato, l'acconto Irpef può essere versato entro il 30 novembre in un'unica soluzione, oppure in due rate: la prima rata entro il 16 giugno di ogni anno e la seconda rata entro il 30 novembre; se si rispettano le scadenze, il contribuente non è tenuto a versare alcuna maggiorazione.
  • Ad eccezione dell'acconto di novembre, è possibile versare l'imposta Irpef anche con rate mensili; la rateizzazione non deve necessariamente riguardare tutti gli importi: il contribuente può rateizzare il primo acconto Irpef e versare in un'unica soluzione il saldo, o viceversa.
  • L'articolo 20, comma 1, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, prevede che «le somme dovute a titolo di saldo e di acconto delle imposte e dei contributi possono essere versate, previa opzione esercitata dal contribuente in sede di dichiarazione periodica, in rate mensili di uguale importo, con la maggiorazione degli interessi di cui al comma 2, decorrenti dal mese di scadenza; in ogni caso, il pagamento deve essere completato entro il mese di novembre dello stesso anno di presentazione della dichiarazione o della denuncia».

Interessi sulle rate scelte
  • Qualora il contribuente optasse per il pagamento rateale, sulle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi, pari al 4% annuo (0,33% mensile, con 3 periodico), da calcolare secondo il "metodo commerciale", cioè considerando l'anno composto da 12 mesi di 30 giorni ciascuno, per un totale di 360 giorni. Il periodo su cui calcolare gli interessi intercorre fra il giorno successivo alla scadenza della prima rata e il giorno di scadenza della seconda rata. Il pagamento rateale Irpef deve essere completato entro novembre.
  • Gli interessi dovuti per la rateazione non vanno cumulati all'imposta, cioè non vanno sommati ad essa, ma devono essere versati separatamente con un apposito codice tributo.
  • Se gli interessi calcolati in una determinata rata sono inferiori a 1,03 euro, non devono essere versati.

Arrotondamenti
  • Nei modelli di versamento (come il Modello F24), gli importi vanno sempre indicati aggiungendo le prime due cifre decimali, anche se queste cifre sono pari a zero. Ad esempio, nel caso in cui l'importo sia espresso in unità di euro, se la somma da versare è pari a 70 euro, nella compilazione del Modello si deve scrivere "70,00". In presenza di più cifre decimali, si deve procedere all'arrotondamento della seconda cifra decimale con il seguente criterio: se la terza cifra è uguale o superiore a 5, l'arrotondamento al centesimo va effettuato per eccesso (52,755 euro arrotondati diventano 52,76 euro); se la terza cifra è inferiore a 5, l'arrotondamento va effettuato per difetto (52,754 euro arrotondati diventano 52,75 euro).
    Nei modelli di dichiarazione (come il Modello Unico o il Modello 730), invece, l'arrotondamento viene eseguito all'euro superiore se la parte decimale è maggiore o uguale a 50 centesimi, oppure all'euro inferiore se la parte decimale è minore di 50 centesimi: la somma di 52,76 euro sale a 53 euro; l'importo di 52,36 euro diminuisce a 52 euro.
  • Attenzione: nel Modello F24 gli interessi calcolati non vanno sommati all'imposta da versare, ma devono essere indicati separatamente con il proprio codice tributo (1668).


ESEMPIO GRAFICO DI COMPILAZIONE DEL MODELLO F24 CON RATEAZIONE

Il sottostante esempio è tratto dal sito dell'Agenzia delle Entrate. Viene preso in considerazione il caso di un contribuente non titolare di Partita Iva, che non vanta crediti verso il fisco e che compila il Modello F24 relativo alla terza di sette rate con cui ha scelto di effetture i versamenti previsti nel Modello Unico Pf (Persone fisiche). Il soggetto paga il saldo Irpef 2015 (codice tributo 4001), il primo acconto Irpef 2016 (codice tributo 4033), gli interessi (codice tributo 1668) maturati con la terza rata dell'acconto.

SEZIONE ERARIO
IMPOSTE DIRETTE - IVA
RITENUTE ALLA FONTE
ALTRI TRIBUTI
E INTERESSI
codice tributo   rateazione/regione/
prov./mese rif.
  anno di
riferimento
  importi a debito
versati
  importi a credito
compensati
  SALDO
(A - B)
(01) 4001 (02) 0307 (03) 2015 (04) 500,00 (05)
(01) 4033 (02) 0307 (03) 2016 (04) 570,50 (05)
(01) 1668 (02)   (03)   (04) 7,81 (05)
         
         
         
codice ufficio   codice atto TOTALE   A (06) 1078,31 B (07)   (08) 1078,31
(09)     (10)  


NOTE

Campi del modello F24 come compilare il campo
 
(01)  codice tributo: indicare il codice tributo (saldo 2015 4001, acconto 2016 4033, interessi 1668)
(02)  rateazione/regione/prov/mese rif:    le prime due cifre indicano il numero della rata; le ultime due il totale delle rate
(03)  anno di riferimento: Anno d'imposta per cui si effettua il pagamento
(04)  importi a debito versati: indicare l'importo a debito, cioè l'ammontare del versamento
(05)  importi a credito compensati: in assenza di crediti verso il fisco, la casella va lasciata vuota
(06)  TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario
(07)  TOTALE B: somma degli eventuali importi a credito indicati nella Sezione Erario
(08)  SALDO (A - B): indicare il saldo facendo la sottrazione TOTALE A - TOTALE B
(09)  codice ufficio: non compilare
(10)  codice atto: non compilare