Ballata siciliana " 'A Barunissa di Carini " tratta dallo sceneggiato Tv
"L'amaro caso della Baronessa di Carini" Ŕ uno sceneggiato televisivo del 1975, diretto per Rai Uno da Daniele D'Anza che lo scrisse con Lucio MandarÓ, ispirandosi ad una ballata popolare del 1500. La sigla, divenuta famosa, venne cantata da un ispirato Gigi Proietti: 'A Barunissa di Carini.
Clicca sulla freccia verde per ascoltare il canto  

Per ascoltare il canto occorre il lettore Flash

Scarica il lettore Adobe Flash

Testo in dialetto
'A Barunissa di Carini
ballata popolare



Chiangi Palermu, chiangi Siracusa:
a Carini c'Ŕ lu luttu in ogni casa.
Attornu a lu Casteddu di Carini,
ci passa e spassa un beddu Cavaleri.
Lu Vernagallu Ŕ di sangu gintili
ca di la giuvint¨ l'onuri teni.

Amuri chi mi teni e do quanni,
unni mi porti - lu chiamo - amuri unni?

Viu viniri la cavalleria.
Chistu Ŕ me patri chi vini pi mia,
tutto vestuto alla cavallerizza.
Chistu Ŕ me patri chi mi veni ammazza'.
Signuri patri chi venisti a fari?
Signora figghia, vi vegnu ammazzari.

Lu primu colpu la donna cadiu,
l'appressu colpu la donna muriu.
Un corpu 'nto cori, un corpu ntra li rini,
povira Barunissa di Carini.
Testo in italiano
La Baronessa di Carini
ballata popolare



Piange Palermo, piange Siracusa:
a Carini c'Ŕ il lutto in ogni casa.
Attorno al Castello di Carini,
passa e ripassa un bel cavaliere.
Il Vernagallo Ŕ di sangue nobile
e tiene all'onore della giovent¨.

Amore che mi prendi e di quanto,
dove mi porti - lo chiamo - amore, dove?

Vidi venire la cavalleria.
Questo Ŕ mio padre che viene per me,
tutto vestito da cavaliere.
Questo Ŕ mio padre che mi viene ad ammazzare.
Signor padre che sei venuto a fare?
Signora figlia, sono venuto ad ammazzarti.

Al primo colpo la donna cadde,
al colpo successivo la donna morý.
Un colpo al cuore, un altro alla schiena,
povera Baronessa di Carini.