Canto siciliano: " Vitti 'na crozza "
"Vitti 'na crozza" (Vidi un teschio) fu registrata per la prima volta su dischi Cetra a 78 giri nel 1951 dal tenore Michelangelo Verso, con notevole successo. L'autore del canto è Franco Li Causi di Porto Empedocle, che l'aveva composto per il film di Pietro Germi, "Il cammino della speranza", nel 1950. In questa pagina vengono proposte due versioni: la prima è quella cantata da Otello Profazio, il principe dei cantastorie siciliani; la seconda - posta più in basso - è la versione originale cantata dal Michelangelo Verso. Come si noterà, quest'ultima versione non include il refrain "lalalalero lalero lallalà".
Questa è la versione del cantastorie Otello Profazio
Clicca sulla freccia verde per ascoltare il canto  

Per ascoltare il canto occorre il lettore Flash

Scarica il lettore Adobe Flash

Testo in dialetto
Vitti 'na crozza
di Franco Li Causi



C'è nu giardinu ammenzu di lu mari
tuttu 'ntissutu d'aranci e ciuri,
tutti l'aceddi ci vannu a cantari,
puru li pisci ci fannu l'amuri.

Senti li trona di lu Mungibeddu
chi ghietta focu e fiammi di tutti i lati;
oh Bedda Matri, Matri addulurata,
sarva la vita mia e d' 'a mia amata.

Vitti na crozza supra nu cannuni,
fui curiusu e ci vosi spiari.
Idda m'arrispunniu cu gran duluri:
"Murivi senza toccu di campani".

Sinni eru, sinni eru li me anni
chiangennu sinni eru, cun gran duluri...
ca' si putissi ancora chiuù nun vurria,
cchiù nun vurria muriri chi pi amuri.

...Ah si putissi ancora, chiuù nun vurria,
cchiù nun vurria muriri chi pi amuri.
Testo in italiano
Vidi un teschio
di Franco Li Causi



C'è un giardino in mezzo al mare
tutto intessuto di aranci e fiori,
tutti gli uccelli ci vanno a cantare,
pure i pesci ci fanno l'amore.

Senti i tuoni del Mongibello
che butta fuoco e fiamme da tutti i lati;
oh Bella Madre, Madre addolorata,
salva la vita mia e della mia amata.

Vidi un teschio sopra ad una torre,
ero curioso e volli domandare.
Esso mi rispose con gran dolore:
"Morii senza il tocco delle campane".

Se non era, se non era per i miei anni
piangendo se non era, con gran dolore...
ché se potessi ancora più non vorrei,
più non vorrei morire che per amore.

Ah se potessi ancora, più non vorrei
più non vorrei morire che per amore.
Questa è la versione originale cantata dal tenore Michelangelo Verso
Clicca sulla freccia verde per ascoltare il canto  

Per ascoltare il canto occorre il lettore Flash

Scarica il lettore Adobe Flash

Testo in dialetto
Vitti 'na crozza
di Franco Li Causi



Vitti 'na crozza supra nu cannuni,
fui curiusu e ci vosi spiari.
Idda m'arrispunniu "Cu gran duluri,
muriri senza toccu di campani".

Sinn' eru, sinni eru li me anni,
sinn' eru, sinni eru e 'un sacciu unni.
Ora 'ca su' arrivati a ottant'anni,
u' vivu chiama e u' mortu 'un arrispunni.

Cunzatemi, cunzatemi stu' lettu,
cca di li vermi su' manciatu tuttu.
Si nun lu scuntu 'cca' lu me piccatu,
lu scuntu a chidda vita, a sangu ruttu.

Idda m'arrispunniu "Cu gran duluri,
muriri senza toccu di campani!"
Testo in italiano
Vidi un teschio
di Franco Li Causi



Vidi un teschio sopra una torre,
fui curioso e volli sapere.
Esso mi rispose "Che gran dolore,
morire senza rintocco di campane".

Se ne andarono, se ne andarono i miei anni.
Se ne andarono, se ne andarono, non so dove.
Ora che sono arrivato a ottant'anni,
il vivo chiama e il morto non risponde.

Preparatemi, preparatemi questo letto
che dai vermi sono mangiato tutto.
Se non lo sconto qua il mio peccato,
lo sconterò in quella vita, a sangue rotto.

Esso mi rispose "Che gran dolore,
morire senza rintocco di campane!".