Forum di Poesia AltraMusa - Dialogando
24 Novembre 2014, ore 04:41:52 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
AltraMusa Poesia
 
   Indice   Aiuto Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: PARTENZA  (Letto 6340 volte)
Guido Passini
Utente non iscritto
« inserito:: 01 Aprile 2008, ore 22:46:26 »

 Roll Eyes
« Ultima modifica: 12 Ottobre 2008, ore 10:36:18 da Cristina » Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #1 inserito:: 15 Aprile 2008, ore 19:16:49 »

Vogliamo cominciare con alcune definizioni ed alcuni esempi?

Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #2 inserito:: 16 Aprile 2008, ore 18:31:01 »

Partirei da basi semplici, ma essenziali: rima, assonanza e consonanza, poiché talvolta vedo un po' di confusione.
Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #3 inserito:: 20 Aprile 2008, ore 15:47:55 »

Il ritardo è dovuto anche dal fatto che un primo intervento si è volatilizzato per colpa di quel mentecatto del mio computer.


***********************


Assonanza, consonanza e rima sono figure stilistiche attinenti alla parte finale di due o più versi.

Nella prima coincidono i suoni vocalici, nella seconda quelli consonantici, nerlla terza vi è totale concordanza.


ESEMPI.

- Quanto è brava e gentile la mia mamma,
  che prepara il gelato con la panna.


- Nel cielo immenso vedo spesso un astro,
  che il suo splendore vuol mettere in mostra.
 
- La scorsa notte son venuti i ladri:
  hanno rubato, in casa mia, sei quadri,


Vi sono, naturalmente, non poche varianti, su  cui il dibattito può vivacizzarsi.

Ho visto trasferite in questa sede pagine ben fatte prese da altri luoghi, ma ritengo divertente proseguire mediante contributi originali, specie per quanto riguarda l'esemplificazione.

« Ultima modifica: 21 Aprile 2008, ore 18:01:08 da Rullianus » Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #4 inserito:: 21 Aprile 2008, ore 18:50:00 »

L'alternarsi di consonanza e rima è una caratteristica dello stornello, forma tipicamente popolare, ma che esige una metrica rigorosa. Nello stornello, peraltro, combaciano le ultime vocali dei tre versi, talché si ha una forma più avanzata della consonzanza "semplice"

Esempio:


Fiore di maggio,

quando ti vedo io sto sempre peggio:

sei così brutto che manca il coraggio.




« Ultima modifica: 22 Aprile 2008, ore 19:23:09 da Rullianus » Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #5 inserito:: 10 Maggio 2008, ore 19:27:22 »

Perché nessuno s'è più fatto avanti?
Colpa del tempo o di cattivi eventi?
I temi da studiare sono tanti;
diversamente si vive di stenti.
Non bastano parole altisonanti,
se i ritmi sono sordi e sonnolenti.
Il rimatore è sempre rigoroso;
se non lo è, meglio che stia a riposo.
Registrato
sempresveva
Iscritto super
*****

Karma: +0/-1
Scollegato Scollegato

Messaggi: 374


« Risposta #6 inserito:: 11 Maggio 2008, ore 09:10:49 »

Hai un modo sempre così elegante
ed io comprendo quanto sono carente
lo so,sono dissonante
ma non ci posso fare niente.
Vorrei postare rima interessante
pubblicare,rileggere orgogliosamente
ma per fortuna ho un maestro rigoroso
simpatico pur se altezzoso.

PS:ALTEZZOSO mi serviva per chiudere ma non lo penso,grazie per la tua disponibilità. :'(
Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #7 inserito:: 13 Maggio 2008, ore 19:28:16 »

Semel Sveva semper Sveva,
si continua nel progresso,
gentilissima mia allieva,
o docente, il che è lo stesso.
Qui s'adopra l'ottonario,
tanto caro al sommo Giusti;
l'ottonario è autoritario:
non è un verso che s'aggiusti
a casaccio o per diletto,
ma dev'essere perfetto.

Registrato
sempresveva
Iscritto super
*****

Karma: +0/-1
Scollegato Scollegato

Messaggi: 374


« Risposta #8 inserito:: 13 Maggio 2008, ore 22:59:45 »

Faticoso è il componimento
quando d'ottonario non s'ha cultura,
d'uopo sarà l'apprendimento,
d'endecasillabi in egual misura.
Se l'ottonario per me mistero,
si chiede venia al sommo Giusti
quando la metrica a dire il vero,
sforna talvolta versi ingiusti.
Ciò mi duole e mi rincresce,
ammirerò chi ci riesce. laugh
« Ultima modifica: 13 Maggio 2008, ore 23:01:51 da sempresveva » Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #9 inserito:: 14 Maggio 2008, ore 19:06:01 »

Impagabile sovrana,
d'Hohenstaufen grande schiatta,
nobilissima ed umana,
valorosa autodidatta,
forse tra una settimana
tu sarai più che assuefatta
alle regole severe
di quest'umile mestiere.

Il metronomo ti aiuta,
se la tua attenzione presti,
evitando ogni caduta,
sì che, come tu vorresti,
ogni strofa avrai tessuta
elegante come i gesti
che la tua degna persona
a Rulliano e al mondo dona.
Registrato
sempresveva
Iscritto super
*****

Karma: +0/-1
Scollegato Scollegato

Messaggi: 374


« Risposta #10 inserito:: 14 Maggio 2008, ore 22:03:37 »

Non son stata principessa,
certamente sono umana,
forse fui una duchessa,
in un'epoca lontana,
orsù dunque m'è concessa
una sola settimana
per studiare e meditare
senza nulla tralasciare. Undecided
« Ultima modifica: 14 Maggio 2008, ore 23:18:41 da sempresveva » Registrato
Rullianus
Utente non iscritto
« Risposta #11 inserito:: 14 Maggio 2008, ore 22:31:39 »

Ggliel'hai fatta quasi in un giorno:
quel "misera" solo è di più.
Eliminalo e guarda intorno;
la maga ora sei solo tu.
Andrà bene "sola"? Proviamo:
ti porgo sia l'esca, sia l'amo.
« Ultima modifica: 26 Giugno 2008, ore 19:08:13 da Rullianus » Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.047 secondi con 22 query.