FABBRICATI INAGIBILI O INABITABILI (art. 8, comma 1, del D.Lgs. 504/92)

Imposta comunale immobili in dettaglio

Per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, l'imposta Ŕ ridotta del 50%, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni.

Tavola 11 (calcolo imposta)

BASE IMPONIBILE   ALIQUOTA
deliberata dal comune
  RIDUZIONE
spettante
  ICI DOVUTA
Freccia   Freccia   Freccia   Freccia
......  X .... / 1.000  - ......  = ......



Approfondimenti

Ai fini dell'applicazione della riduzione di imposta devono sussistere congiuntamente l'inagibilitÓ (se trattasi di fabbricato diverso da quello abitativo) o l'inabitabilitÓ (se trattasi di fabbricato abitativo) e l'assenza di utilizzo.
Il Ministero delle Finanze, nelle istruzioni per la compilazione della dichiarazione ICI, ha precisato "che l'inagibilitÓ od inabitabilitÓ deve consistere in un degrado fisico sopravvenuto (fabbricato diroccato, pericolante, fatiscente) non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria".
Al riguardo va ricordato che:
  • nei casi di permanente inagibilitÓ o inabitabilitÓ, l'imposta Ŕ dovuta solo in riferimento all'area di sedime, se la stessa mantiene la caratteristica di area fabbricabile (in senso conforme, risoluzioni 19 settembre 1992 protocollo 7/2090, 30 ottobre 1992 protocollo 7/2186 e 12 dicembre 1992 protocollo 9/1178);
  • il comune, a norma dell'art. 59, comma 1, lettera h), del D.Lgs. n. 446/97, pu˛ aver disciplinato le caratteristiche di fatiscenza sopravvenute del fabbricato, non superabile con interventi di manutenzione.
L'inagibilitÓ o inabitabilitÓ Ŕ accertata dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, il quale dovrÓ allegare idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa, il contribuente ha facoltÓ di presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi dell'art. 3, comma 55, della legge 23 dicembre 1996, n. 662. La dichiarazione sostitutiva, avendo una portata esaustiva, sostituisce sia l'attestazione comunale sia la perizia dell'ufficio tecnico (circolare ministeriale n. 137/E del 15 maggio 1997, risposta 20.1). Naturalmente, in quest' ultima ipotesi, il comune impositore potrÓ verificare la veridicitÓ del contenuto e se la dichiarazione risulta mendace, il dichiarante decade dal beneficio, con la conseguente applicazione della sanzione penale (artt. 74, comma 1, e 75 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000).