LE RISPOSTE FORNITE AI QUESITI ICI PUBBLICATI NEL FORUM FISCALE
Le risposte ai quesiti Ici pubblicati nel forum fiscale
Irrilevante la pertinenza ubicata nello stesso fabbricato dell'abitazione

Quesito inviato da Simona in data 15 luglio 2003.
Una pertinenza può essere considerata tale anche se non è collegata direttamente alla casa principale (nel caso specifico, è separata da 4 mt. di cortile)?
Se una pertinenza è in disuso, si paga comunque l'ICI?
Il Regolamento Comunale prevede l'applicazione della detrazione ad un'unica pertinenza: è ancora applicabile o la detrazione si può applicare a più pertinenze?

Risposta inviata da Redazione dossier.net in data 17 luglio 2003.
Nel caso di specie, non è rilevante la condizione che la pertinenza non risulti ubicata nel medesimo fabbricato. Ad essa, quindi, va riservato lo stesso trattamento fiscale dell'abitazione principale e, anche se è in disuso, continua ad essere soggetta al tributo comunale.
Se il regolamento comunale prevede che l'eventuale importo residuo della detrazione spettante per l'abitazione principale può essere computato in diminuzione dell'imposta dovuta per una sola pertinenza dell'abitazione stessa, il beneficio non può essere esteso ad altre pertinenze.



Abitazione rurale in ristrutturazione

Quesito inviato da Simona in data 15 luglio 2003.
Un'abitazione rurale è attualmente in corso di ristrutturazione, per diventare abitazione civile. Allo stato attuale, l'abitazione non ha ancora ottenuto l'abitabilità. A partire da quale momento il proprietario è tenuto al pagamento dell'ICI?

Risposta inviata da Redazione dossier.net in data 17 luglio 2003.
I fabbricati rurali sono esenti dall'Ici fino a quando conservano i requisiti di ruralità. Nel caso prospettato, il proprietario dell'immobile è obbligato al pagamento del tributo comunale dal momento in cui vengono a mancare i requisiti di legge. Tuttavia, trattandosi di unità immobiliare in "ristrutturazione", potrebbe rientrare nel novero dei fabbricati inagibili o inabitabili (e di fatto non utilizzati), limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono queste condizioni e, quindi, fruire della riduzione di imposta del 50%. Qualora si tratti invece di interventi di recupero a norma dell'art. 31, comma 1, lettere c), d) ed e), della legge 457/78, si prospetterebbe l'applicabilità della previsione di cui al comma 6 dell'art. 5 del D.Lgs. 504/92, secondo la quale la base imponibile è costituita solamente dal valore dell'area, senza computare il valore del fabbricato in corso d'opera.



Base imponibile del fabbricato di categoria D

Quesito inviato da Gabry in data 15 luglio 2003.
Il Catasto ha assegnato ad un immobile di mia proprietà (cat. D/5) un valore immobiliare da cui (con il coeff. 0,05) ha ricavato la rendita catastale.
Il Comune, moltiplicando per 50 la rendita catastale, ha ottenuto un valore dell'immobile che è più del doppio di quello catastale (ed è assolutamente fuori mercato!), e su questo vorrebbe farmi pagare l'ICI.
Qualcuno sa dirmi come è possibile avere per lo stesso immobile due valori immobiliari così diversi, e se c'è un modo per impedire al comune di applicare forfettariamente il coefficiente 50, invece di considerare il valore immobiliare dichiarato esplicitamente dal catasto.

Risposta inviata da Redazione dossier.net in data 17 luglio 2003.
Ai sensi dell'art. 5, comma 2, del D. Lgs. 504/92, per i fabbricati iscritti in catasto e classificati nel gruppo "D", il valore è determinato moltiplicando la rendita catastale, aumentata del 5%, per il coefficiente 50 (si veda D.M. 14 dicembre 1991). E' su questa base imponibile che deve essere poi calcolata l'imposta da pagare. Pertanto, il comportamento del Comune risulta corretto.



Le modificazioni di rendita e la loro efficacia

Quesito inviato da Massimo in data 22 luglio 2003.
Una rendita catastale con messa in atti 25/07/2002 ha efficacia dal 1° gennaio 2003, oppure per l'anno 2002 devo far pagare al contribuente l'imposta secondo la vecchia rendita per i primi sette mesi dell'anno e fare poi il ravvedimento operoso per i 5 mesi in cui la nuova rendita ha la sua messa in atti?

Risposta inviata da Redazione dossier.net in data 24 luglio 2003.
Nel caso prospettato propendiamo per la decorrenza dal 1° gennaio 2003, in ossequio al principio sancito nel comma 2 dell'art. 5 del D.Lgs. 504/92, in forza del quale la base imponibile è costituita con riferimento al 1° gennaio dell'anno di imposizione.



Controllo della rendita dichiarata e di quella accertata

Quesito inviato da Fabio in data 22 luglio 2003.
In data 23.10.2000 mi veniva notificato un avviso di liquidazione per l'ICI anno 1993, relativa ad un fabbricato di mia proprietà. L'accertamento era avvenuto in quanto secondo l'Ufficio impositore, la rendita definitiva accertata era superiore alla rendita presunta dichiarata.In data 05.12.2000 versavo quanto richiesto.
Pochi giorni fa, rinvenivo la copia della visura catastale rilasciatami all'epoca dalla ditta costruttrice dell'immobile, per effettuare il versamneto dell'imposta per l'anno 1993. Dalla stessa emerge che il classamneto è stato effettuato in data 12.01.1993, la rendita iscritta è quella da me dichiarata, quindi non ho mai calcolato l'imposta su una rendita presunta. Sulla base di quanto descritto, l'accertamento/liquidazione di cui sopra è corretto? Se, come ritengo, l'accertamento è illegittimo, posso richiedere il rimborso dell'imposta versata e non dovuta?

Risposta inviata da Redazione dossier.net in data 24 luglio 2003.
Nel caso prospettato si tratta di controllare se effettivamente la rendita da lei dichiarata, e in base alla quale ha effettuato il versamento dell'imposta per l'anno 1993, è inferiore a quella definitiva attribuita dall'ufficio del Territorio competente e notificatale dal Comune inpositore con l'avviso di liquidazione o di accertamento in data 23 ottobre 2000.
Qualora la rendita definitiva risulti superiore a quella dichiarata, l'atto impositivo del Comune è da considerare corretto; in caso contrario può chiedere il rimborso della somma versata in eccedenza, entro il termine di tre anni dal 5 dicembre 2000.