I MESSAGGI DEL VECCHIO FORUM DELLA GUIDA ICI

Risposta: Valore seconda rata ICI a seguito di variazione rendita catastale



Inviato da cristiana in data 12 dicembre 2003.

In risposta a: Valore seconda rata ICI a seguito di variazione rendita catastale inviato da Franco in data 05 dicembre 2003.

Innanzitutto l'ufficio preposto all'attribuzione delle rendite catastali l'Agenzia del Territorio (ex Catasto)e non l'ufficio delle imposte. Comunque, se hai evinto la variazione della rendita da un atto dell'Amministrazione finanziaria, quell'atto costituisce notificazione della rendita catastale soltanto se l'attribuzione della rendita da parte dell'Agenzia del Territorio avvenuta prima del 31/12/1999 (vedi sul punto art. 74, comma 3^ della legge 342/2000 e Circolare del Ministero delle finanze n. 4 del 13/03/2001 punto 3) poich "prima del 31/12/1999 dette rendite non dovevano essere necessariamente notificate all'interessato." Qualora l'attribuzione della rendita fosse avvenuta dopo l'1/1/2000, invece, l'Agenzia ha l'obbligo di notificazione della rendita con raccomandata con ricevuta di ritorno (vedi art. 74, 1^ comma legge 342(2000 e Circolare n. 4 del 13/03/2001 punto 1.) e sino alla notifica n l'Amministrazione finanziaria, n il Comune "possono legittimamente richiedere l'imposta, le sanzioni e gli interessi."
L'unico modo per sapere quando ti hanno attribuito la nuova rendita richiedere una visura catastale presso L'Agenzia del territorio. Se l'attribuzione anteriore al 31/12/1999 allora non c'era bisogno di notifica e quindi devi calcolare l'ICI sulla nuova rendita. Qualora l'attribuzione fosse successiva e non c' stata notifica della rendita da parte dell'Agenzia, quella rendita non efficace quindi puoi continuare a pagare sulla base della vecchia rendita. Ricorda, per, che quando riceverai la notifica, l'Amministrazione finanziaria e il Comune possono recuperare l'imposta per il passato secondo i termini di prescrizione previsti dalla legge.
Spero di esserti stata d'aiuto.
Ciao
Cristiana