I MESSAGGI DEL VECCHIO FORUM DELLA GUIDA ICI

Risposta: interessi



Inviato da Redazione dossier.net in data 04 agosto 2003.

In risposta a: interessi inviato da luigi in data 31 luglio 2003.

In merito alla decisione della Commissione tributaria provinciale di Brindisi n. 737 del 16 ottobre 2001, a prescindere dalla nostra perplessità sull'esatto giudicato sostanziale della sentenza, giova evidenziare che la decisione in questione, al pari delle altre pronunce, non spiega alcun effetto al di fuori del processo in cui è stata formulata (in senso conforme, Corte di Cassazione, sezioni unite civili, sentenze n. 1761 del 26 luglio 1965, n. 6689 del 14 giugno 1995 e n. 9631 del 5 novembre 1996).
Per quanto concerne la decorrenza degli interessi, occorre invocare la disposizione di cui al comma 4 dell'art. 1 del decreto del Ministero delle Finanze n. 367 del 24 settembre 1999, in forza della quale "Gli interessi decorrono dalla data di presentazione della domanda di rimborso; decorrono, invece, dalla data di esecuzione del versamento indebito, nei casi in cui il diritto al rimborso risulti sulla base dei dati ed elementi direttamente desumibili dalla dichiarazione del contribuente, oppure consegua alla liquidazione effettuata ai sensi dell'articolo 11, comma 1, terzo periodo, del decreto legislativo n. 504 del 1992".
Del resto non potrebbe essere diversamente, dato che la particolare procedura di liquidazione prevede espressamente la restituzione d'ufficio delle somme versate in eccedenza, maggiorate degli interessi, senza la necessaria presentazione dell'istanza del contribuente.
Si ricorda infine che il contribuente, ove ricorrano i presupposti, può richiedere al comune anche il pagamento degli interessi anatocistici (in tal senso, Corte di Cassazione, sezione tributaria, sentenze n. 5790 del 19 aprile 2001 e 10628 dell'11 agosto 2000; sezione I civile, sentenza n. 552 del 22 gennaio 1999).