I MESSAGGI DEL VECCHIO FORUM DELLA GUIDA ICI

Risposta: aliquote ici



Inviato da Fausto (redazione dossier.net) in data 10 aprile 2003.

In risposta a: aliquote ici inviato da giggio in data 07 aprile 2003.

Il comma 2 dell'art. 6 del D.Lgs. n. 504/92, così come sostituito dal comma 53 dell'art. 3 della legge n. 662/96, dispone, tra l'altro, che l'aliquota "deve essere deliberata in misura non inferiore al 4 per mille, né superiore al 7 per mille e può essere diversificata entro tale limite, con riferimento ai casi di immobili diversi dalle abitazioni, o posseduti in aggiunta all'abitazione principale, o di alloggi non locati".
Pertanto, alla luce sia della predetta disposizione, sia dell'ampia potestà regolamentare prevista dal comma 1 dell'art. 52 del D.Lgs. n. 446/97, il Comune impositore può ben applicare una differenziazione di aliquote nell'ambito della tipologia degli immobili, senza per altro dar luogo all'interno di una medesima categoria di fabbricati ad una irrazionale e grave sperequazione ai danni dei contribuenti e, quindi, all'invocazione della violazione dei principi sanciti negli artt. 3, 42, 53 e 97 della Costituzione.