I MESSAGGI DEL VECCHIO FORUM DELLA GUIDA ICI

Ici al 9 per mille



Inviato da Gianni in data 20 marzo 2003.

L'art. 2 della L. 9 dicembre 1998, n.431 (Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo" nei commi 3 e 4 prevede la possibilità per Comuni di derogare alle previsioni del DLVO 504/92 in merito all'aliquota ICI minima e massima. Ciò al fine della promozione dei c.d "contratti a canone agevolato" concordati tra le associazioni dei proprietari di casa e degli inquilini,.
In particolare, per i Comuni ad "alta intensità abitativa" è consentito di "…derogare al limite massimo stabilito stabilito dalla normativa vigente, in misura superiore al 2 per mille, limitatamente agli immobili non locati per i quali non risultino essere stati registrati contratti di locazione da almeno due anni".
Si chiede cortesemente ed in relazione al possibile ambito di applicazione dell'aliquota maggiorata (da 7 a 9 per mille) se:
1) L'ambito di applicazione della legge stessa, delineato nell'art. 1 comma 2, limita anche la tipologia di immobili alla quale è possibile applicare l'aliquota maggiorata. Ad esempio si precisa in tale articolo che le disposizioni di cui agli artt. 2,3,4,7,8 e 13 non si applicano ai contratti di locazione riferiti a: 1) immobili vincolati ai sensi della legge 1° giugno 1939 n. 1089 o inclusi nelle categorie catastali A/1, A/8 e A9…3) gli alloggi locati esclusivamente per finalità turistiche.
2) La condizione della registrazione di un contratto di locazione negli ultimi due anni fa riferimento ad un "qualsiasi contratto di locazione", magari anche stipulato solo per alcuni mesi, o ad un contratto di locazione stipulato ai sensi della Legge in oggetto.



Risposte: