I MESSAGGI DEL VECCHIO FORUM DELLA GUIDA ICI

LAVORI NON ULTIMATI E RENDITA GIA' ATTRIBUITA



Inviato da SILVIA in data 03 settembre 2005.

POSSIEDO UN IMMOBILE DIVISO IN DUE UNITA' ABITATIVE PER IL QUALE E'STATA PRESENTATA CONCESSIONE EDILIZIA NEL 1998. DAL 12/08/2000 SIAMO ANDATI AD ABITARE IN UNA DELLE DUE UNITA' ANCHE SENZA IL CERTIFICATO DI ABITABILITA'. NEL 2001 IL GEOMETRA HA ATTRIBUITO LA RENDITA CATASTALE DI ENTRAMBE LE UNITA' IMMOBILIARI ANCHE SE L'ALTRA UNITA' E' DI FATTO INUTILIZZATA E I LAVORI NON SONO ANCORA FINITI. ABBIAMO PRESENTATO PROROGA DELLA CONCESSIONE EDILIZIA NEL 2002. ABBIAMO PAGATO L'ICI SULLA RENDITA ATTRIBUITA PER L'UNITA' ABITATA E SUL VALORE VENALE PER L'ALTRA UNITA'. IL COMUNE CI CHIEDE L'ICI SULLA RENDITA ATTRIBUITA PER ENTRAMBE LE UNITA' SOSTENENDO CHE SE IL CONTRIBUENTE ACCATASTA L'IMMOBILE E' TENUTO AL PAGAMENTO DELL'ICI COME DIFICIO SULLA BASE DELLA RENDITA E CITA L'ART. 3 COMMA 2 DEL DECRETO 28/1998. IN SINTESI SECONDO IL COMUNE "SE L'IMMOBILE E' ACCATASTATO L'ICI E' DOVUTA COME FABBRICATO, ANCHE SE L'IMMOBILE NON E' FINITO, PER LA PRESUNZIONE LEGALE VOLUTA DALLA LETTERA A) DELL'ART. 2 DEL D.LGS. 504/1992".
MA SE HO PRESENTATO UNA PROROGA DELLA CONCESSIONE, NON DOVREI PAGARE SUL VALORE VENALE? GRAZIE MILLE.


Risposte: