I MESSAGGI DEL VECCHIO FORUM DELLA GUIDA ICI

Risposta: Rinuncia ad ereditÓ



Inviato da Alex (redazione dossier.net) in data 07 febbraio 2003.

In risposta a: Rinuncia ad ereditÓ inviato da Lella in data 03 febbraio 2003.

Ai sensi dell'art. 467 del c.c. la successione pu˛ aversi anche per rappresentazione, facendo subentrare i discendenti, legittimi o naturali, alla persona che non possa o non voglia succedere.
La successione per rappresentazione ha luogo, in line retta, a favore dei discendenti dei figli e, in linea collaterale, solo a favore di discendenti dai fratelli e dalle sorelle del de cuius (art. 468, comma 1); e si protrae, in entrambi i casi, all'infinito.
Nella fattispecie da lei prospettata, quindi, il nipote nato nel 1991 pu˛ succedere per rappresentazione, a meno che non abbia anch'egli rununciato all'ereditÓ tramite i genitori.
Per quanto concerne la notifica degli atti impositivi, l'ufficio tributi, onde evitare di emettere provvedimenti a carico di persone non soggette al tributo, deve effettuare degli accertamenti per verificare chi ha attualmente il possesso dei beni del de cuius, ovvero se l'ereditÓ Ŕ giacente ed Ŕ stato nominato un curatore. Qualora manchino parenti entro il limite legale del sesto grado, o se tutti i parenti capaci di succedere hanno rinunciato all'ereditÓ, subentra il diritto dello Stato di acquisire l'intera ereditÓ (art. 42, comma 4, della Costituzione).