I MESSAGGI DEL VECCHIO FORUM DELLA GUIDA ICI

Risposta: Fabbricato rurale



Inviato da Fausto (redazione dossier.net) in data 24 gennaio 2003.

In risposta a: Fabbricato rurale inviato da Lella in data 17 gennaio 2003.

Per i fabbricati rurali, la circolare ministeriale n. 96/T del 9 aprile 1998 precisa che "La valutazione della sussistenza delle condizioni per il riconoscimento ai fini fiscali della ruralità delle costruzioni è compito precipuo degli uffici preposti all'accertamento delle imposte sugli immobili. Gli Uffici tecnici erariali e gli Uffici del territorio assicureranno in ogni caso le ordinarie consulenze di carattere istituzionale, limitatamente ai requisiti oggettivi dei beni immobili".
A tal fine, per esplicare efficacemente l'attività di accertamento, i comuni impositori possono invitare i contribuenti, evidenziandone il motivo:
ad esibire o trasmettere atti e documenti;
a restituire questionari inviati, previamente compilati e firmati.
Al riguardo, è bene rammentare il principio giurisprudenziale secondo il quale gli uffici commettono abuso di potere quando richiedono al contribuente la presentazione di documenti già in proprio possesso (Commissione tributaria centrale, sezione XXVI, decisione n. 5606 del 12 novembre 1996). Né va dimenticato che nel primo periodo del comma 4 dell'art. 6 dello Statuto dei diritti del contribuente, il legislatore ha espressamente disposto che "Al contribuente non possono, in ogni caso, essere richiesti documenti ed informazioni già in possesso dell'amministrazione finanziaria o di altre amministrazioni pubbliche indicate dal contribuente". Infatti, per esplicita previsione, il potere istruttorio attribuito ai comuni impositori comprende anche la richiesta di dati, notizie ed elementi agli uffici pubblici "competenti". Tali dati, notizie ed elementi devono però essere rilevanti, ossia determinanti per la procedura di accertamento.
Infine, va rilevato che al comune impositore è consentito l'esercizio di un'attività istruttoria "in ufficio" e non anche "sul campo", cioè effettuando indagini e ispezioni presso gli immobili posseduti dai contribuenti.