Modello F24 già compilato: coppia comproprietaria di abitazione principale e fabbricato rurale strumentale del marito. Imu in tre rate


Modello F24 compilato: coppia comproprietaria di prima casa e fabbricato rurale strumentale del marito


Immobili Abitazione principale a Roma, con rendita catastale di 1.555,55 euro e detrazione ordinaria di 200 euro. Maggiorazione della detrazione di 150 euro per i tre figli. Fabbricato rurale strumentale a Latina (una stalla di categoria D/10), con rendita catastale di 2.218,47 euro.
Proprietà Abitazione principale in comproprietà fra marito e moglie al 50%, con tre figli. Fabbricato rurale strumentale di proprietà al 100% del marito.
Rateazione Imu prima casa pagata in tre rate: prima rata dell'acconto a giugno, seconda rata dell'acconto a settembre, saldo (terza rata) a dicembre. Questo è il modello per l'acconto che, per la sola prima casa, è valido a giugno ed a settembre. Per il fabbricato rurale si paga un acconto del 30% ed un saldo del 70%.
Codici tributo Per la prima rata dell'acconto (a giugno) il codice rateazione è "0102"; per la seconda rata dell'acconto (a settembre), il codice rateazione è "0202". Per l'abitazione principale, il codice tributo "3912" indica la quota dell'imposta che va al Comune (100%). Per il fabbricato rurale strumentale, il codice tributo "3913" indica la quota che va al Comune (100%).
Cliccare sul tasto "approfondimento" per un'illustrazione generale delle sezioni e fare click sulle caselle del Modello F24 per indicazioni specifiche.
Per chiudere le finestre che si apriranno dopo aver cliccato sul Modello F24, fare click fuori delle stesse o sulla crocetta nell'angolo in alto a destra.
Le caselle con indicazioni di colore rosso vanno lasciate vuote; le caselle con scritte blu vanno compilate soltanto in casi specifici o sono opzionali.

  approfondimento

L'introduzione del Modello F24 Semplificato dal primo giugno 2012 rappresenta un aiuto piccolo ma gradito per i contribuenti costretti a pagare l'acconto Imu di giugno e quello eventuale di settembre in questa forma che, rispetto al consueto bollettino postale, presenta il vantaggio di poter fare valere la compensazione dei crediti verso la pubblica amministrazione, riducendo l'entità del tributo. Il modello è composto da una sola facciata (invece che tre, come nel modello ordinario) che contiene due distinte di pagamento, separate da una linea tratteggiata: la parte superiore è la ricevuta per chi effettua il versamento; la parte inferiore sarà trattenuta dalla banca, dall'ufficio postale o dall'agente della riscossione. Per leggere le istruzioni ufficiali del Modello F24 semplificato, per prelevarlo e consultare il provvedimento di approvazione, cliccare sui pulsanti sottostanti. Nella sezione "CONTRIBUENTE" occorre riportare il codice fiscale ed i dati anagrafici del soggetto passivo dell'imposta, cioè di colui che è tenuto a pargarla. I campi "codice atto" e "codice ufficio" vanno compilati soltanto se espressamente richiesto dall'ente impositore. Il "Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare" deve essere indicato insieme al "codice identificativo" che può essere desunto dalla tabella "codici identificativi" pubblicata dall'Agenzia delle Entrate. Quelli sottostanti sono i codici desunti dal sito della stessa Agenzia delle Entrate.
genitore / tutore02curatore fallimentare03
erede07obbligato solidale50
intervento sostitutivo51garante/terzo datore60
soggetto aderente al consolidato61soggetto diverso dal fruitore del credito62
impresa assicuratrice estera fiscalmente rappresentata70soggetto che ha proposto l'atto introduttivo del giudizio71
I soggetti sopra indicati, che effettuano il pagamento per conto del contribuente direttamente obbligato all' Imu, dovranno anche firmare il modulo negli appositi spazi.

Nella sezione "MOTIVI DEL PAGAMENTO" occorre inserire altri dati identificativi del contribuente e del versamento.
Nella colonna "sezione", si deve indicare il destinatario del versamento. Nel caso del'Imu, va sempre scritta la sigla EL, che significa Ente Locale (le altre due sigle previste sono "RG" che significa Regione e "ER" che significa Erario, cioè lo Stato).

La colonna del codice tributo richiede attenzione: l'Imu è una imposta il cui gettito viene diviso fra Stato e Comune, tranne nel caso in cui il tributo venga versato per l'abitazione principale e relative pertinenze (al massimo 3, una per le categorie C/2, C/6, C/7) e per i fabbricati rurali ad uso strumentale, i cui proventi vanni interamente al Comune. Questa suddivisione del gettito obbliga ad utilizzare distinti codici tributo.
tipologia dell'immobilecodicedestinatario
abitazione principale e relative pertinenze3912Comune
fabbricati rurali ad uso strumentale3913Comune
terreni agricoli3914Comune
terreni agricoli3915Stato
aree fabbricabili3916Comune
aree fabbricabili3917Stato
altri fabbricati3918Comune
altri fabbricati3919Stato
interessi di accertamento3923Comune
sanzioni da accertamento3924Comune
Nella colonna del Codice ente va inserito il codice catastale del Comune, nel cui territorio è situato l'immobile; tale codice è costituito da 4 caratteri ed è lo stesso già utilizzato per la vecchia Ici (Imposta Comunale Immobili). Per consultare l'elenco dei codici catastali dei Comuni italiani, ci si può collegare alla seguente pagina già predisposta per l'Ici (i Comuni sono disposti in ordine alfabetico): http://www.dossier.net/guida/codicicatastali/index.html. Oppure, è possibile scaricare la lista completa ed aggiornata raccolta in un file in formato Pdf, diffusa dall'Agenzia delle Entrate: http://www.dossier.net/guida/modelli/codicicatastali.pdf.

Nella colonna Ravv. segnare una crocetta, cioè X, se il pagamento è eseguito per il ravvedimento operoso.

Nella colonna Immob. variati mettere una crocetta, cioè X, qualora il contribuente abbia dovuto presentare dichiarazione di variazione per uno o più immobili.

Nella colonna Acc. mettere una crocetta - cioè X - se il pagamento si riferisce all'acconto che va pagato.

Nella colonna Saldo mettere una crocetta - cioè X - se il pagamento si riferisce al saldo.

Se il pagamento dell'Imu viene effettuato con un unico versamento, mettere una crocetta - cioè X - in entrambe le caselle dell'acconto e del saldo.

Nella colonna Num. immob. indicare il numero degli immobili per cui si paga l'imposta. E' previsto un numero massimo di 3 cifre, scritte partendo da destra.

Nella colonna Rateazione / mese rif. scrivere uno dei seguenti codici: se si decide di pagare l'Imu in tre rate, i codici da digitare sono 0102 per l'acconto di giugno, 0202 per l'acconto di settembre, 0101 per il conguaglio di dicembre; se l'Imu viene pagata in due rate, il codice è sempre 0101, sia per l'acconto, sia per il saldo. Le prime due cifre specificano quale rata si sta pagando, mentre le ultime due cifre indicano il numero di rate prescelto.

Nella colonna Anno di riferimento va indicato il periodo al quale si riferisce il pagamento dell'imposta. Nel caso dell'Imu, l'anno di riferimento è quello corrente.

Nella colonna Detrazione va specificata la detrazione spettante per l'abitazione principale, rapportata al numero di rate scelto: se le rate sono due, la detrazione va divisa a metà; se le rate sono tre, la detrazione va divisa per tre, indicando ogni volta un terzo dell'ammontare.

Nella colonna Importi a debito versati va scritto l'importo totale dell'imposta dovuta al netto delle detrazioni.

Nella colonna Importi a credito compensati, il contribuente può specificare eventuali crediti vantati verso l'ente impositore da utilizzare in compensazione (con un massimo di 516.456,90 euro), in modo da ridurre l'importo dovuto. Attenzione: in questo nuovo Modello F24 non è possibile ricorrere alla compensazione se si vantanto crediti nei confronti dell'Inps o di altri enti previdenziali. Il proprio credito può essere fatto valere fino ad azzerare il tributo e non si possono riportare eventuali eccedenze. Il saldo finale non può mai risultare negativo.

Per quanto riguarda l'arrotondamento delle cifre inserite nel Modello F24, esso deve avvenire all'unità di euro superiore se la parte decimale è uguale o superiore a 0,50 ed all'unità di euro inferiore se la parte decimale è uguale o inferiore a 0,49. Tale forma di arrotondamento è prevista dal comma 166 dell'art. 1 della legge n. 296 del 2006, applicabile all'Imu, in base all'art. 9, comma 7, del decreto legislativo n. 23 del 2011, richiamato dalla circolare n. 3, pubblicata il 18 maggio 2012 dal Ministero delle Finanze. Va comunque rilevato che nelle avvertenze del Modello F24 Semplificato gli arrotondamenti vengono considerati al centesimo di euro.

Ultime avvertenze:
  • si può utilizzare un unico modello per tutti gli immobili, anche se questi si trovano in Comuni diversi;
  • per quanto attiene alla parte decimale, cioè alle due caselle poste a destra della virgola, occorre scrivere sempre "00."
La sezione "ESTREMI DEL VERSAMENTO" può essere tranquillamente saltata dal contribuente che esegue il pagamento col Modello F24 Semplificato, poiché tutte le sue caselle (chiamate anche "campi") vanno riempite con i dati inseriti dal personale dell'istituto di credito, o dell'ufficio postale, o dell'agente della riscossione che incassa il pagamento.

La casella relativa all'IBAN, cioè al codice alfanumerico di 27 cifre che identifica un conto corrente, va riempita soltanto qualora si decidesse di pagare l'Imu tramite addebito sul proprio conto corrente bancario. Se, invece, si paga direttamente allo sportello, tale campo deve essere ignorato.

I restanti campi devono essere saltati, poiché il compito di compilarli è assegnato al personale della banca, dell'ufficio postale o dell'agente della riscossione che provvede all'incasso.
non compilare
non compilare
##
MZZGPP05H22D969P
###
###########
Mazzini
Giuseppe
22
06
1805
M
Genova
GE
EL
EL
3912
3913
H501
E472
X
X
1
1
0102
0101
2012
2012
5833
11600
8400
20000
20000
111111CC00BB5555555555555