Lo chef Nicola Ranieri ambasciatore a New York
dell'olio d'oliva e dell'arte culinaria abruzzesi
Vignetta Nicola Ranieri Ambasciatori della tradizione e dell'arte culinaria, di quella sapienza del cibo che rappresenta la base naturale del saper vivere. Nicola Ranieri (a sinistra, in una vignetta di Passepartout) , uno dei più noti chef italiani, e Aldo Rabottini, talento emergente della gastronomia, sono stati chiamati a rappresentare il nostro Paese in una rassegna internazionale in programma il 3 e 4 maggio al "Winter garden of the world financial center" di New York. Il festival pone particolare attenzione all'olio d'oliva, le cui principali aziende produttrici hanno organizzato la manifestazione. La rassegna consente all'alimento abruzzese di farsi apprezzare nel modo più elegante ed efficace e vede Ranieri e Rabottini cimentarsi in una prova particolarmente impegnativa: i piatti devono essere preparati sotto l'occhio attento e competente di 50 giornalisti statunitensi, specializzati nel settore dell'alimentazione, che seguono tutte le fasi della lavorazione. Da sinistra, Nicola Ranieri e Aldo Rabottini «Rappresentare l'Italia è per me e Aldo un onore - dichiara lo chef Nicola Ranieri - che ci consente, tra l'altro, di far risaltare la qualità dell'olio di oliva extravergine, in particolare dell'olio Verde Gentile della provincia di Chieti.»
Ranieri, che gestisce a Lanciano l'hotel "Roma" assieme a Rabottini (quest'ultimo, nella foto, a sinistra), ha nel suo palmares di mago della gastronomia abruzzese un fitto elenco di incontri internazionali, di manifestazioni che lo hanno visto protagonista e rappresentante d'alto livello della cucina regionale. Questa volta, però, il ritorno negli Stati Uniti, dove è stato chiamato più volte come consulente, è animato da uno spirito di "sfida" nel superare se stesso.
Al Festival culinario del Mediterraneo ha aderito con entusiasmo il Consorzio olivicoltori di Chieti, sicuro della bontà del proprio prodotto, ancora relativamente poco diffuso negli Stati Uniti, benché recenti studi scientifici abbiano evidenziato le proprietà benefiche e nutritive dell'olio d'oliva. Profumi mediterranei: questo il "piatto forte" che lo chef di Lanciano, affiancato dal fedele e competente Aldo Rabottini, propone agli esperti americani. Un profumo che i numerosi estimatori di Ranieri già conoscono e che merita di essere apprezzato da tutti. Anche oltreoceano.