Il Forum dei Contribuenti
17 Dicembre 2017, ore 00:39:47 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: TALI PROVIDER NON INOLTRANO IL MESSAGGIO AUTOMATICO CONTENENTE LA PASSWORD.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: ICI - Imposta Comunale Immobili pagata dall'erede a nome del defunto (de cuius)  (Letto 3834 volte)
lmbrt
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2


« inserito:: 08 Febbraio 2011, ore 17:30:30 »

Dopo 5 anni dalla scomparsa, avvenuta nel febbraio 2005, e quindi nei termini di legge previsti, il Comune di Forte dei Marmi richiede con proprio provvedimento i versamenti I.C.I. all'unico erede che li ha effettuati, per quella sola annualità, ancora a nome del de cuius. Giova sottolineare che nessuno di essi ha mai avuto la residenza nell'unità immobiliare oggetto dell'imposta.

Il medesimo comune non intende riconoscere tali versamenti a compensazione totale di quanto dovuto personalmente dall'erede per quell'annualità adducendo che gli stessi possono essere "eventualmente" detratti dal valore lordo richiesto dal provvedimento ovvero quello che già include sanzioni, interessi legali e spese per un totale pari al 150% dell'imposta effettivamente dovuta dall'erede per i 10 mesi restanti (e versata all'epoca a nome del defunto).

In pratica l'erede che ha de facto versato l'ammontare dovuto nell'anno in questione si vede oggi sottoposto, parrebbe arbitrariamente, al pagamento degli interessi e delle sanzioni su quelle stesse cifre da cui verrebbero poi scontate le medesime con evidente pregiudizio economico.

 Pianto

Esiste un riferimento di LEGGE che consenta di fare chiarezza e, soprattutto, assicurare un'equa imposizione?

Grazie a tutti!
« Ultima modifica: 08 Febbraio 2011, ore 17:35:58 da lmbrt » Registrato
francyman8
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 179


« Risposta #1 inserito:: 10 Febbraio 2011, ore 19:41:26 »

in questi casi non esisistono leggi, ma dovrebbe reganre il buon senso (la cui carenza è sempre meno vistosa)... teoricamente dovreste pagare imposta, sanzioni ed interssi e chiedere a rimborso imposta e interessi. La sanzione (io farei così) non dovrebbe applicarsi in quanto errore formale e non sostanziale. Di sicuro in commissione tributaria vi darebbero ragione, ma conviene fare ricorso? a quanto ammontano le sanzioni?
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.034 secondi con 18 query.