Il Forum dei Contribuenti
15 Dicembre 2017, ore 02:37:49 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: ATTENZIONE: PER REGISTRARVI NON UTILIZZATE EVENTUALI EMAIL DI TISCALI O HOTMAIL.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: ICI dovuta per anni pre-fallimento  (Letto 9128 volte)
hermione
Iscritto attivo
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 18


« inserito:: 02 Novembre 2009, ore 12:53:50 »

Salve a tutti.
Io vorrei sapere se avvisi di accertamento ICI per omesso versamento (anno 2005), riguardanti anni di imposta antecedenti l'avvio della procedura fallimentare, siano ancora notificabili, e se sì, a chi.
Il fallimento si è già concluso (inizio 2007-fine 2009), ed il curatore ha provveduto alla dichiarazione e versamento ICI per il periodo del fallimento (2007-2009). Posso emettere ora avvisi di accertamento per gli anni 2005 e 2006? Se sì, li devo notificare al curatore o alla ditta fallita?
Grazie a chiunque possa darmi indicazioni.
Registrato
paolawebs
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 37


« Risposta #1 inserito:: 03 Novembre 2009, ore 14:11:00 »

se il fallimento è già chiuso non potrai fare niente, ma dubito che sia già chiuso conoscendo i tempi!
si puoi recuperare l'ICI non pagata per il 2006, 2005 ma anche per il 2004
devi notificare il tutto al curatore fallimentare, sarà lui poi a doverti dimostrare se e quando si è chiuso il fallimento con sentenza del giudice delegato.
Sicuramente sei ancora in tempo per insinuarti nel passivo, e i crediti delle Pubbliche Amministrazioni sono crediti privilegiati
Registrato
hermione
Iscritto attivo
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 18


« Risposta #2 inserito:: 04 Novembre 2009, ore 09:30:23 »

Trattasi di uno dei tanti fallimenti "pilotati", nel senso che la ditta cambia denominazione, ma attività  soci sono sempre le stesse persone. In questo caso, a fallimento concluso, posso notificare alla nuova società? Se sì, in base a quali fondamenti normativi/giuridici?
Grazie.
Registrato
paolawebs
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 37


« Risposta #3 inserito:: 04 Novembre 2009, ore 16:24:10 »

allora adesso bisogna capire se si tratta di una società di persona, o di capitali
se è una società di persona, allora i soci sono responsabile col capitale della società ma anche col proprio in via secndaria, quindi puoi aggredire il loro patrimonio, se è una società di capitali no, la responsabilità si ferma al capitale sociale.
ma se si tratta di una società di capitale ed è chiuso veramente il fallimento, allora non potrai fare niente.
però è importante sapere comunque anche quando nel 2009 si è chiuso il fallimento, per sapere se è scaduto il termine per impugnare la chiusura del fallimento.
Registrato
hermione
Iscritto attivo
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 18


« Risposta #4 inserito:: 12 Novembre 2009, ore 11:11:16 »

Ho avuto risposta ufficiale del curatore. Il fallimento non è chiuso, ma è in corso il piano di riparto parziale dell'attivo. Dice che è comunque decorso il termine previsto dall'art. 101 comma 4 legge fallimento, per la proposizione tardive di ammissione al passivo.
Nessun suggerimento per questo delirio di caso!!!
Registrato
paolawebs
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 37


« Risposta #5 inserito:: 12 Novembre 2009, ore 16:58:47 »

art. 101
comma 1
Le domande di ammissione al passivo di un credito, di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili, depositate in cancelleria oltre il termine di trenta giorni prima dell’udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di dodici mesi dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo sono considerate tardive; in caso di particolare complessità della procedura, il tribunale, con la sentenza che dichiara il fallimento, può prorogare quest’ultimo termine fino a diciotto mesi.
comma 4
Decorso il termine di cui al primo comma, e comunque fino a quando non siano esaurite tutte le ripartizioni dell’attivo fallimentare, le domande tardive sono ammissibili se l’istante prova che il ritardo è dipeso da causa a lui non imputabile.

che il termine è scaduto può essere, ma comunque deve dirti la data dell'udienza fissata (dubito che abbiano già fissato una data), quindi saprai tu se il termine è scaduto o meno
ti spiego, anche a me è capitato di insinuarmi nel passivo di un fallimento dove il piano di riparto a detta del curatore ERA CHIUSO!
a te è stato risposto che è IN CORSO il piano di riparto dell'attivo
di norma i curatori non sono molto disponibili, una volta che stanno per definire il piano di riparto si rompono i coglioni a dover rimettere di nuovo tutto in discussione e ti rispondono picche.
io ho litigato a telefono con un curatore, che a tutti i costi non voleva farmi insinuare nel passivo nonostante avessi tutti i requisiti per farlo, pubblica amministrazione accertamento ici, quindi credito privilegiato (alla fine ho vinto io ed hanno pagato un bel pò  Occhiolino )
devi muoverti ufficialmente, devi notificare alla parte e al curatore l'accertamento quanto prima, e se lo fai entro il 31-12-2009 puoi recuperare anche il 2004, come ti ho già detto.
se gli accertamenti gli arrivano ufficialmente non può ignorali è obbligato a riaprire il piano di riparto per legge!
comunque se ti fai assistere da un avvocato è sicuramente preferibile
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.033 secondi con 18 query.