Il Forum dei Contribuenti
19 Ottobre 2017, ore 16:15:56 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: ATTENZIONE: PER REGISTRARVI NON UTILIZZATE EVENTUALI EMAIL DI TISCALI O HOTMAIL.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: omessa denuncia di 1 immobile  (Letto 8072 volte)
paolovac
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2


« inserito:: 31 Ottobre 2008, ore 12:33:14 »

possiedo 10 immobili che ho correttamente denunciato e per cui pago correttamente dal 1992. Nel 2003 ho acquistato un nuovo immobile per cui ho omesso la dichiarazione. Mi viene inviato un accertamento per omessa denuncia in cui l'imposta corrisponde con quello che effettivamente non ho pagato per il nuovo immobile, mentre la sanzione è il 100% di tutto quello che devo per l'anno, quindi tiene conto anche degli altri immobili per cui ho corettamente pagato. L'importo della sanzione è molto alto, mentre la mia omissione sarebbe di pochi euro. E' corretto? Non vorrei fare ricorso, ma mi servirebbe qualche riferimento di legge per portare elementi a mio favore in fase di discussione dell'atto. Il punto cruciale è l'art 14 del 504 che cita che: Per l'omessa presentazione della dichiarazione o denuncia si applica la sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento del TRIBUTO DOVUTO, con un minimo di lire centomila. Ho cercato nel forum, ma non ho trovato, risposte su questo specifico problema. Qualcuno può aiutarmi?
Registrato
jeryko
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 92



« Risposta #1 inserito:: 31 Ottobre 2008, ore 14:28:34 »

Purtoroppo non sono riuscito a trovare alcun riferimento di legge o di prassi (forse perché la questione è già fin troppo chiara e logica da non dare adito ad una diversa interpretazione?), ma è fuori discussione che la sanzione è collegata a quella parte di tributo evasa a seguito della mancata presentazione della denuncia. Non possono assolutamente sanzionarti il tributo regolarmente dichiarato a suo tempo e regolarmente versato. Io ti consiglio di andare a parlare in Comune, facendo notare l'evidentissimo errore. Se non dovessereo darti ragione, presenta subito un'istanza per l'applicazione dell'autotutela chiedendo la comunicazione del responsabile del procedimento.
Registrato
paolovac
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 2


« Risposta #2 inserito:: 31 Ottobre 2008, ore 17:07:27 »

ho già parlato con il responsabile del procedimento, il quale mi dice che anche lui può sembrare iniquo, ma non può esimersi dal rispettare quello che è scritto sul decreto e quindi applicare la sanzione sul tributo dovuto, cioè sul totale dovuto. Mi dice anche che non ha mai avuto un ricorso e che questo è il modo corretto di procedere. La persona è gentile, ma ferma sulla posizione, se trovo qualcosa di scritto da mostrargli, potrei fargli cambiare idea, viceversa dovrei fare ricorso. Credo ci vorrebbe una sentanza della corte di cassazione, a livello di leggi non c'è nulla in merito. Io non so più dove cercare.
Registrato
jeryko
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 92



« Risposta #3 inserito:: 31 Ottobre 2008, ore 18:34:02 »

D.Lgs. 504/1992
art. 14
Sanzioni ed interessi.

1. Per l'omessa presentazione della dichiarazione o denuncia si applica la
sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento del tributo dovuto,
con un minimo di lire centomila.
2. Se la dichiarazione o la denuncia sono infedeli si applica la sanzione
amministrativa dal cinquanta al cento per cento della maggiore imposta dovuta.
... omissis...

Cerca di far capire al responsabile del procedimento, il senso della norma, facendogli leggere il comma 2 del sopra citato articolo. Se si dovesse seguire la "sua" personalissima logica, nel caso di infedele denuncia si dovrebbe applicare la sanzione su tutto il tributo dovuto, come nel caso della omessa. Il comma 2 invece parla di "maggiore imposta dovuta". Pertanto la norma è chiara per l'applicazione della sanzione per infedele denuncia solo sulla parte di tributo evaso, così deve essere anche per la omessa dichiarazione. E POI RIPETIGLI FINO ALL'ESASPERAZIONE CHE TU NON HAI OMESSO LA DICHIAARZIONE PER TUTTI GLI IMMOBILI MA SOLO PER UNO.
Se vedi che non si smuove dalla sua posizione (dovresti trovare uno capace di ammettere di aver sbagliato) chiedi di parlare con il responsabile del tributo.
Registrato
augusto123
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 35


« Risposta #4 inserito:: 07 Novembre 2008, ore 03:56:22 »

A parte quanto perfettamente esposto da Jeryko farei notare appunto il termine DOVUTO.
E non PAGATO!!! Se è dovuto significa che non è stato pagato.....
è semplice questione di analisi logica e di significato dei verbi....
Tu devi cioè che non hai pagato.........ovvio.......non devi ciò che hai già pagato....
dunque la sanzione è solo sul quantum NON PAGATO E CIOè DOVUTO!

Certi dipendenti pubblici dovrebbero rifare le elementari eh!
A.

p.s.: se non ricordo male, comunque, nel caso di un nuovo immobile è da ripetere la dichiarazione per tutti o no? mi sembrava di aver letto qualcosa che imponesse una nuova dichiarazione integrale anche per quelli già dichiarati ed invariati in riferimento al comune specifico....sbaglio?
Registrato
jeryko
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 92



« Risposta #5 inserito:: 07 Novembre 2008, ore 13:10:41 »

NO! Non si deve ripetere la dichiarazione per gli altri immobili già posseduti e già dichiarato precedentemente.
Registrato
augusto123
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 35


« Risposta #6 inserito:: 07 Novembre 2008, ore 16:09:56 »

Meglio così.... Occhiolino
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.037 secondi con 18 query.