Il Forum dei Contribuenti
13 Dicembre 2017, ore 11:24:54 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: TALI PROVIDER NON INOLTRANO IL MESSAGGIO AUTOMATICO CONTENENTE LA PASSWORD.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Fabbricato su terreno golenale  (Letto 5663 volte)
maxilvia
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


« inserito:: 15 Settembre 2008, ore 14:53:32 »

Per un fabbricato accatastato, sito su un lotto di terreno concesso in locazione dall'ente regionale, in una zona golenale, l'ici deve essere pagata? In caso affermativo, chi deve pagare il proprietario del fabbricato o il proprietario del terreno (cioè l'ente regionale)?
Registrato
C.A.
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 305


« Risposta #1 inserito:: 15 Settembre 2008, ore 16:32:52 »

In base al decreto legislativo 504 del 1992:
Articolo 1 comma 2. Presupposto dell'imposta è il possesso di fabbricati, di aree fabbricabili e di terreni agricoli, siti nel territorio dello Stato, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l'attività dell'impresa.

Articolo 2 comma 1. Ai fini dell'imposta di cui all'articolo 1:
a) per fabbricato si intende l'unità immobiliare iscritta o che deve essere iscritta nel catasto edilizio urbano, considerandosi parte integrante del fabbricato l'area occupata dalla costruzione e quella che ne costituisce pertinenza; il fabbricato di nuova costruzione è soggetto all'imposta a partire dalla data di ultimazione dei lavori di costruzione ovvero, se antecedente, dalla data in cui è comunque utilizzato;

Articolo 3 comma 1. Soggetti passivi dell'imposta sono il proprietario di immobili di cui al comma 2 dell'articolo 1, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie, sugli stessi, anche se non residenti nel territorio dello Stato o se non hanno ivi la sede legale o amministrativa o non vi esercitano l'attività.

Articolo 7 comma 1. Sono esenti dall'imposta:
a) gli immobili posseduti dallo Stato, dalle regioni, dalle province, nonché dai comuni, se diversi da quelli indicati nell'ultimo periodo del comma 1 dell'articolo 4, dalle comunità montane, dai consorzi fra detti enti, dalle unità sanitarie locali, dalle istituzioni sanitarie pubbliche autonome di cui all'articolo 41 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, dalle camere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura, destinati esclusivamente ai compiti istituzionali;
b) i fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9;
c) i fabbricati con destinazione ad usi culturali di cui all'articolo 5- bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601, e successive modificazioni;
d) i fabbricati destinati esclusivamente all'esercizio del culto, purché compatibile con le disposizioni degli articoli 8 e 19 della Costituzione, e le loro pertinenze;
e) i fabbricati di proprietà della Santa Sede indicati negli articoli 13, 14, 15 e 16 del Trattato lateranense, sottoscritto l'11 febbraio 1929 e reso esecutivo con legge 27 maggio 1929, n. 810;
f) i fabbricati appartenenti agli Stati esteri e alle organizzazioni internazionali per i quali è prevista l'esenzione dall'imposta locale sul reddito dei fabbricati in base ad accordi internazionali resi esecutivi in Italia;
g) i fabbricati che, dichiarati inagibili o inabitabili, sono stati recuperati al fine di essere destinati alle attività assistenziali di cui alla legge 5 febbraio 1992, n 104, limitatamente al periodo in cui sono adibiti direttamente allo svolgimento delle attività predette;
h) i terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell'articolo 15 della legge 27 dicembre 1977, n. 984;
i) gli immobili utilizzati dai soggetti di cui all'articolo 87, comma 1, lettera c), del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonché delle attività di cui all'articolo 16, lettera a), della legge 20 maggio 1985, n. 222.


Pertanto, ammesso che il fabbricato non rientri nei previsti casi di esenzione dell'articolo 7, e' soggetto all'imposta in quanto accatastato come normato dall'articolo 2, e questa e' dovuta dal proprietario dell'immobile, anche se solo in diritto di superficie, come prevede l'articolo 3.
« Ultima modifica: 15 Settembre 2008, ore 16:34:24 da C.A. » Registrato
jeryko
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 92



« Risposta #2 inserito:: 16 Settembre 2008, ore 08:48:57 »

Per analogia penso che tale tipologia rientri nel caso previsto dall'ultimo periodo del comma 2, art. 3 del D.Lgs. 504/1992 (come modificato dalla finanziaria del 2001): "Nel caso di concessione su aree demaniali soggetto passivo è il concessionario". Le aree demaniali sono date in concessione infatti, proprio dagli enti regionali, come nel caso di specie, anche se si tratta di un'area golenale.
Registrato
maxilvia
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


« Risposta #3 inserito:: 16 Settembre 2008, ore 11:05:55 »

Grazie millle per la chiarezza e la velocità  Sorriso
Buona giornata.
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.04 secondi con 18 query.