Il Forum dei Contribuenti
13 Dicembre 2017, ore 11:23:27 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: TALI PROVIDER NON INOLTRANO IL MESSAGGIO AUTOMATICO CONTENENTE LA PASSWORD.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: uso gratuito figlio residente all'estero  (Letto 4959 volte)
Cris
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 3


« inserito:: 13 Agosto 2008, ore 13:27:37 »

Mia nonna è proprietaria di una palazzina con 5 appartamenti a Roma, in uno abita lei, altri 3 sono dati in uso gratuito a mia madre, me e mio fratello. Il 5° appartamento è di mio zio, che però non ha la residenza in Italia. Puo' mia nonna chiedere l'uso gratuito per mio zio anche se non ha la residenza in Italia??
Grazie mille Sorriso
« Ultima modifica: 13 Agosto 2008, ore 13:29:13 da Cris » Registrato
C.A.
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 305


« Risposta #1 inserito:: 14 Agosto 2008, ore 10:58:47 »

L'immobile in uso gratuito va comunque destinato ad abitazione principale..
Registrato
Cris
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 3


« Risposta #2 inserito:: 14 Agosto 2008, ore 16:54:34 »

così in effetti è, visto che è la sua abitazione in italia, quindi mi chiedevo se potesse usufruire dei benefici per uso gratuito anche non avendo il requisito della residenza
grazie
Registrato
C.A.
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 305


« Risposta #3 inserito:: 15 Agosto 2008, ore 03:40:08 »

Ok allora il regolamento ici del comune di roma, all'articolo 11 dice:

2. Si considera direttamente adibita ad abitazione principale l’unità immobiliare
non locata posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da cittadini italiani non
residenti nello Stato, nonché quella, non locata, posseduta allo stesso titolo da anziani
o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di
ricovero permanente.

e

4. Si considerano inoltre abitazioni principali, ai soli fini dell’applicazione della
relativa aliquota, i fabbricati concessi in uso gratuito a parenti e affini entro il secondo
grado che li utilizzino come abitazione principale. Si considerano abitazioni
principali, per un periodo massimo di 12 mesi, le unità immobiliari acquistate al fine
di essere destinate dal soggetto passivo a propria abitazione principale, ancorché
questi non vi risieda anagraficamente.


Quindi, a patto che lo zio abbia la residenza anagrafica aire iscritta a Roma, presso l'appartamento in questione, è lecito che venga considerata la sua abitazione principale (articolo 2), ergo se viene concessa in uso gratuito rientra nelle previsioni di riconoscimento del comma 4.

PS: questo è il regolamento credo del 2006, il sito del comune di Roma al momento non va e dovresti, se possibile, verificare che il testo dell'articolo 11 non sia cambiato, o lo sia ma non in maniera influente sulla tua questione.
« Ultima modifica: 15 Agosto 2008, ore 03:46:08 da C.A. » Registrato
Cris
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 3


« Risposta #4 inserito:: 18 Agosto 2008, ore 14:21:01 »

Grazie mille sei stato celerissimo e esaustivo nella risposta!!
 Sorriso
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.036 secondi con 18 query.