Il Forum dei Contribuenti
24 Ottobre 2017, ore 00:26:05 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: ATTENZIONE: PER REGISTRARVI NON UTILIZZATE EVENTUALI EMAIL DI TISCALI O HOTMAIL.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: responsabilità del funzionario comunale  (Letto 4597 volte)
mmastr
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 3


« inserito:: 23 Novembre 2002, ore 18:38:11 »

Salve a tutti, questo è il mio primo intervento in questo Forum. Anzi, devo essere sincero, è il mio primo intervento ad un forum in assoluto. Ma vengo
alla questione che vorrei sottoporre a voi tutti...
Nel 2001 ho ricevuto un avviso di accertamento per omessa dichiarazione ICI (quella del 1993) per gli anni 95-96-97 contro il quale ho presentato ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale chiedendo la sospensione del pagamento. La Commissione mi ha accordato la sospensione ed ha fissato la data dell'udienza. Durante la seduta in cui si discuteva della sospensione la Commissione ha lasciato chiaramente intendere (pur non entrando esplicitamente nel merito della questione) che il mio ricorso sarebbe stato accolto. Per di più l'avvocato che rappresenta il comune ha dichiarato che il comune era pronto ad annullare l'atto per autotutela se, prima della data dell'udienza, avessi integrato la documentazione con ulteriore documentazione. Così dopo l'udienza di sospensione ho integrato la documentazione e il comune ha annullato l'avviso di accertamento.
Ora chiedo se posso ed eventualmente come, in qualità di cittadino e non di contribuente interessato, chiedere alla Corte dei Conti di condannare il responsabile dell'ufficio comunale al pagamento delle spese legali che il comune (di cui io sono un cittadino) ha sostenuto per pagare un avvocato che non ha fatto altro che prendere atto della bontà dei miei motivi esposti nel ricorso e consigliare l'ufficio ad annullare l'atto per autotutela. Ad aggravare la situazione del responsabile c'è il fatto che
1) prima di presentare ricorso mi sono recato per due volte dal responsabile stesso ed ho esposto verbalmente i motivi chiedendo l'annullamento per autotutela,
2) il responsabile non ha voluto tenere in considerazione le mie ragioni invitandomi a fare ricorso alla C.T.P.
2) 20 giorni prima della scadenza dei termini per proporre ricorso ho presentato una istanza di annullamento, corredata di tutta la documentazione necessaria per prendere una decisione di annullamento dell'atto, che è stata ignorata del tutto dal funzionario il quale (tra l'altro mi ha anche offeso dicendomi che per quanto gli riguarda la copia della dichiarazione ICI del 1993 avrei potuto anche averla compilata il giorno prima!).
Ora che ho vinto contro l'ottusità del responsabile vorrei che questi fosse condannato a pagare di tasca propria e che non fossero le casse comunali (e quindi anch'io) costrette a pagare la parcella del loro avvocato  per una sua ignoranza/negligenza. Senza contare le spese che ho dovuto sostenere, pur difendendomi da solo.
Grazie e ciao a tutti

                                                                                                                                                 
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.034 secondi con 18 query.