Il Forum dei Contribuenti
23 Ottobre 2017, ore 20:56:51 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: TALI PROVIDER NON INOLTRANO IL MESSAGGIO AUTOMATICO CONTENENTE LA PASSWORD.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: ritardato pagamento  (Letto 6873 volte)
illy976
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


« inserito:: 26 Giugno 2007, ore 20:46:03 »

salve a tutti. qualcuno sa dirmi come fare per pagare l'ICI relativa agli ultimi 2 mesi del 2005 e al primo semestre 2006?
All'agenzia che si occupa della riscossione dell'ICI, dove solo oggi ho fatto la dichiarazione, mi hanno fatto fagare solo il saldo relativo al 2° semestre 2006 e il 1° semestre 2007, dicendomi che per l'arretrato che supera l'anno di ritardo devo attendere la cartella esattoriale che, ad oggi, non è stata emessa. E' possibile che un utente intende pagare, anche se in ritardo, e il Comune non accetta il pagamento?? Attendo notizie grazie a tutti
Registrato
luke67
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 210


« Risposta #1 inserito:: 26 Giugno 2007, ore 22:23:57 »

Per quanto riguarda il 2005 hanno ragione, invece per il 2006 il termine del ravvedimento operoso scade a fine luglio, quindi Lei può ravvedere anche il primo semestre 2006
Veda il link ravvedimento nella sezione in alto, sicuramente l'aiuterà a capire
« Ultima modifica: 26 Giugno 2007, ore 22:27:50 da luke67 » Registrato
illy976
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


« Risposta #2 inserito:: 27 Giugno 2007, ore 22:01:59 »

Grazie per la risposta. comunque insistono dicendomi che il ravvedimento per l'acconto del 2006 era possibile fino al 18 giugno del 2007 termine per pagare l'ICI quest'anno. Ma i 365 g di tempo non decorrono dalla scadenza dell'anno scorso, ossia 30/06/2006, e quindi, se la matematica non è un'opinione, scadono il 30/06/2007?Che?!? Che faccio mi arrendo o insisto?  Pianto grazie ancora
Registrato
luke67
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 210


« Risposta #3 inserito:: 28 Giugno 2007, ore 14:14:26 »

al 6% (1/5 del 30%), se il versamento viene effettuato con ritardo superiore ai 30 giorni, ma entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione o denuncia Ici relativa all'anno in cui la violazione è stata commessa ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dalla scadenza del termine stabilito per il versamento. 

Dato che la dichiarazione Ici quest'anno è ancora in essere, spieghi al suo comune che la  scadenza del ravvedimento operoso è il 31 luglio 2007
Quello sopra è l'articolo di legge che regolamenta la percentuale delle sanzioni nello statuto del ravvedimento
Registrato
illy976
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


« Risposta #4 inserito:: 28 Giugno 2007, ore 17:02:14 »

grazie a voi per il ravvedimento dell'acconto 2006 li ho convinti. ora però mi hanno sollevato un altro problema! Pianto Pianto Pianto
avendo acquistato l'immobile ad 10/2005 e trasferito la residenza in quell'immobile solo a 6/2007, pur avendo da sempre la residenza nello stesso comune dove è sito l'alloggio in questione, mi vogliono far pagare per l'anno 2006 l'ici come abitazione non principale, dicendomi che solo la finanziaria 2007 non prevede più l'obbligo di residenza nell'immobile. E' giusto??Aiuto... mi stanno facendo impazzire. Grazie ancora a tutti
Registrato
luke67
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 210


« Risposta #5 inserito:: 28 Giugno 2007, ore 23:08:18 »

Questa volta hanno ragione, la finanziaria 2007 ha sancito che la residenza sia vincolo necessario a dimostrazione dell'uso principale dell'immobile e quindi utilizzo aliquota privilegiata
Quindi per il pagamento fino a 06/07 con aliquota più alta, da ravvedersi comunque tranne i primi mesi 2005 che verranno sicuramente accertati in quanto fuori termine
Registrato
illy976
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


« Risposta #6 inserito:: 29 Giugno 2007, ore 00:05:07 »

prometto che è l'ultima cosa che chiedo!!! volevo avere conferma su un punto: ex art. 8 del decreto legislativo 504 del 1992, ( L'imposta è ridotta del 50 per cento per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni. L'inagibilità o inabitabilità è accertata dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa il contribuente ha facoltà di presentare dichiarazione sostitutiva ai sensi della legge 4 gennaio 1968, n. 15, rispetto a quanto previsto dal periodo precedente)- L'immobile da me acquistato ancora oggi non ha questi certificati.Ho diritto a questa riduzione? grazie
Registrato
luke67
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 210


« Risposta #7 inserito:: 29 Giugno 2007, ore 13:14:51 »

Per inagibile si intende unità immobiliare priva di qualsiasi allacciamento tipo luce gas acqua, fatiscente ed assolutamente inabitabile
Inagibilità parte dal momento in cui Lei presenta l'autocertificazione in Comune, e non è retroattiva
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.037 secondi con 18 query.