Il Forum dei Contribuenti
18 Dicembre 2017, ore 10:51:42 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: TALI PROVIDER NON INOLTRANO IL MESSAGGIO AUTOMATICO CONTENENTE LA PASSWORD.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Aree Edificabili & Attività Agricola  (Letto 8190 volte)
fabio
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 32


« inserito:: 03 Ottobre 2002, ore 18:58:14 »

Un contribuente ha affittato ad agricoltore regolarmente iscritto ai coltivatori diretti un vasto appezzamento di terreno che il Comune ha reso edificabile con nuovo PRG.
Il proprietario del terreno è tenuto a versare l'imposta per terreno agricolo, visto che di fatto è coltivato o come area edificabile visto che il terreno non è coltivato direttamente dal proprietario?
A quali estremi di legge poisso riferirmi?
Grazie
Fabio  :blink:                                                                                                                                                    
Registrato
Fausto (redazione D.N.)
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 30


« Risposta #1 inserito:: 04 Ottobre 2002, ore 11:35:45 »

Citazione
Un contribuente ha affittato ad agricoltore regolarmente iscritto ai coltivatori diretti un vasto appezzamento di terreno che il Comune ha reso edificabile con nuovo PRG.
Il proprietario del terreno è tenuto a versare l'imposta per terreno agricolo, visto che di fatto è coltivato o come area edificabile visto che il terreno non è coltivato direttamente dal proprietario?
A quali estremi di legge poisso riferirmi?
Grazie
Fabio  :blink:


In merito al quesito posto, secondo la circolare ministeriale n. 7/1106 del 10 giugno 1993, risposta 5.18, qualora il terreno risulti inserito negli strumenti urbanistici generali o attuativi e concesso in affitto per uso agricolo a un coltivatore diretto, detto terreno non perde la qualificazione di "area fabbricabile", in quanto non vi è identità tra proprietario o titolare di diritto reale di godimento, ossia tra soggetto passivo di imposta e conduttore del terreno stesso. Pertanto, il contribuente deve pagare l'Ici per l'area edificabile.

Fausto (redazione Dossier.Net)                                                                                                                                                  
Registrato
ccmaomao
Iscritto attivo
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 10


« Risposta #2 inserito:: 07 Ottobre 2002, ore 17:27:48 »

Citazione
Citazione
Un contribuente ha affittato ad agricoltore regolarmente iscritto ai coltivatori diretti un vasto appezzamento di terreno che il Comune ha reso edificabile con nuovo PRG.
Il proprietario del terreno è tenuto a versare l'imposta per terreno agricolo, visto che di fatto è coltivato o come area edificabile visto che il terreno non è coltivato direttamente dal proprietario?
A quali estremi di legge poisso riferirmi?
Grazie
Fabio  :blink:


In merito al quesito posto, secondo la circolare ministeriale n. 7/1106 del 10 giugno 1993, risposta 5.18, qualora il terreno risulti inserito negli strumenti urbanistici generali o attuativi e concesso in affitto per uso agricolo a un coltivatore diretto, detto terreno non perde la qualificazione di "area fabbricabile", in quanto non vi è identità tra proprietario o titolare di diritto reale di godimento, ossia tra soggetto passivo di imposta e conduttore del terreno stesso. Pertanto, il contribuente deve pagare l'Ici per l'area edificabile.

Fausto (redazione Dossier.Net)
                                                                                                                                                  Non vorrei mettere in discussione la precedente risposta ma leggendo la circolare citata mi sembra che si evinca solo che se un coltivatore diretto concede in affitto un terreno questo diventa a lui (in quanto propietario) imponibile, ma non il contrario: che se un soggetto non coltivatore diretto concede in affitto ad un coltivatore diretto (che rispetti i requisiti di legge per l'esenzione) un terreno questo è per il propietario imponibile.
 :unsure:
Non so dare una risposta, ma attendo riferimenti di legge più chiarificatori.
                                                                                                                                                   
Registrato
Fausto (redazione D.N.)
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 30


« Risposta #3 inserito:: 08 Ottobre 2002, ore 16:18:21 »

Citazione
Non vorrei mettere in discussione la precedente risposta ma leggendo la circolare citata mi sembra che si evinca solo che se un coltivatore diretto concede in affitto un terreno questo diventa a lui (in quanto propietario) imponibile, ma non il contrario: che se un soggetto non coltivatore diretto concede in affitto ad un coltivatore diretto (che rispetti i requisiti di legge per l'esenzione) un terreno questo è per il propietario imponibile.
 :unsure:
Non so dare una risposta, ma attendo riferimenti di legge più chiarificatori.


Cercherò di trattare in modo più ampio quanto sinteticamente scritto nella precedente risposta al quesito posto da Fabio.
La circolare ministeriale n. 7 del 10 giugno 1993, nella risposta 5.18 precisa: "Se il coltivatore diretto è proprietario del terreno agricolo che ha concesso in affitto, obbligato al pagamento dell'Ici è il coltivatore diretto in quanto proprietario". L'affittuario, dunque, non è da considerare soggetto passivo di imposta.
Ora, per eplicita previsione (art. 2, comma 1, lettera b, del Dlgs n. 504/92) "sono considerati non fabbricabili i terreni POSSEDUTI e CONDOTTI dai coltivatori diretti o dagli imprenditori agricoli che esplicano la loro attività a titolo principale, sui quali persiste l'utilizzazione agro-silvo-pastolare mediante l'esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura ed all'allevamento di animali".
Tale disposizione, però, non è applicabile al caso di specie, poiché il contribuente proprietario del terreno non coltiva direttamente il fondo, ma lo ha concesso in affitto ad un coltivatore diretto. Pertanto, è logico desumere che qualora il terreno risulti inserito negli strumenti urbanistici generali o attuativi e venga ceduto in affitto per uso agricolo a un coltivatore diretto, detto terreno non perde la qualificazione di "area fabbricabile".
Di conseguenza, il proprietario del terreno (non l'affittuario) è obbligato a pagare l'Ici per l'area edificabile.
Spero di essere stato chiaro e di aver fornito sufficienti riferimenti di legge.

Fausto C. (redazione Dossier.Net)                                                                                                                                                  
Registrato
ccmaomao
Iscritto attivo
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 10


« Risposta #4 inserito:: 09 Ottobre 2002, ore 13:48:57 »

Citazione
Citazione
Non vorrei mettere in discussione la precedente risposta ma leggendo la circolare citata mi sembra che si evinca solo che se un coltivatore diretto concede in affitto un terreno questo diventa a lui (in quanto propietario) imponibile, ma non il contrario: che se un soggetto non coltivatore diretto concede in affitto ad un coltivatore diretto (che rispetti i requisiti di legge per l'esenzione) un terreno questo è per il propietario imponibile.
 :unsure:
Non so dare una risposta, ma attendo riferimenti di legge più chiarificatori.


Cercherò di trattare in modo più ampio quanto sinteticamente scritto nella precedente risposta al quesito posto da Fabio.
La circolare ministeriale n. 7 del 10 giugno 1993, nella risposta 5.18 precisa: "Se il coltivatore diretto è proprietario del terreno agricolo che ha concesso in affitto, obbligato al pagamento dell'Ici è il coltivatore diretto in quanto proprietario". L'affittuario, dunque, non è da considerare soggetto passivo di imposta.
Ora, per eplicita previsione (art. 2, comma 1, lettera b, del Dlgs n. 504/92) "sono considerati non fabbricabili i terreni POSSEDUTI e CONDOTTI dai coltivatori diretti o dagli imprenditori agricoli che esplicano la loro attività a titolo principale, sui quali persiste l'utilizzazione agro-silvo-pastolare mediante l'esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura ed all'allevamento di animali".
Tale disposizione, però, non è applicabile al caso di specie, poiché il contribuente proprietario del terreno non coltiva direttamente il fondo, ma lo ha concesso in affitto ad un coltivatore diretto. Pertanto, è logico desumere che qualora il terreno risulti inserito negli strumenti urbanistici generali o attuativi e venga ceduto in affitto per uso agricolo a un coltivatore diretto, detto terreno non perde la qualificazione di "area fabbricabile".
Di conseguenza, il proprietario del terreno (non l'affittuario) è obbligato a pagare l'Ici per l'area edificabile.
Spero di essere stato chiaro e di aver fornito sufficienti riferimenti di legge.

Fausto C. (redazione Dossier.Net)
                                                                                                                                                   Felice  Felice  Felice
Chiarissimo
Grazie                                                                                                                                                  
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.036 secondi con 18 query.