Il Forum dei Contribuenti
15 Dicembre 2017, ore 14:01:31 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: ATTENZIONE: PER REGISTRARVI NON UTILIZZATE EVENTUALI EMAIL DI TISCALI O HOTMAIL.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: ici e dichiarazione ici  (Letto 4904 volte)
titta
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1


« inserito:: 23 Giugno 2005, ore 10:53:02 »

Il caso è il seguente:

"A seguito di successione nel 1987 l'appartamento del defunto, adibito ad abitazione principale, viene ereditato dalla moglie e i due figli all'epoca minorenni.
A partire da quell'epoca la dichirazione ICI e i relativi versamenti vengono effettuati dalla moglie per intero, mentre i figli (nel frattempo diventati maggiorenni)non hanno mai presentato nessuna dichiarazione nè effettuato nessun versamento.
I figli dovevano effettuare qualche adempimento? (presentare la dichiarazione ICI, effettuare i versamenti ici pro-quota a loro nome,...)

Sempre a seguito del decesso del 1987, la moglie e i 2 figli ereditano il 50%, di un secondo appartamento tenuto a disposizione.
Anche in questo caso è solo la moglie che ha continuato ad effettuare gli adempimenti e sempre a proprio nome.
Inoltre, nel 2004, a seguito del decesso dell'altra comproprietaria, la moglie e figli ereditano il 25% della quota fino ad allora non in loro possesso.
A chi spettavano gli adempimenti (dichiarazione e versamenti ici) dal 1987 a oggi? E a seguito della successione del 2004 quali adempimenti dovranno effettuare sia la moglie che i figli?"

La situazione è un pò ingarbugliata, ma spero di essere stata chiara.

Grazie
                                                                                                                                                   
Registrato
tony.g
Iscritto junior
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5


« Risposta #1 inserito:: 05 Gennaio 2006, ore 16:28:21 »

Citazione
Il caso è il seguente:

"A seguito di successione nel 1987 l'appartamento del defunto, adibito ad abitazione principale, viene ereditato dalla moglie e i due figli all'epoca minorenni.
A partire da quell'epoca la dichirazione ICI e i relativi versamenti vengono effettuati dalla moglie per intero, mentre i figli (nel frattempo diventati maggiorenni)non hanno mai presentato nessuna dichiarazione nè effettuato nessun versamento.
I figli dovevano effettuare qualche adempimento? (presentare la dichiarazione ICI, effettuare i versamenti ici pro-quota a loro nome,...)

Sempre a seguito del decesso del 1987, la moglie e i 2 figli ereditano il 50%, di un secondo appartamento tenuto a disposizione.
Anche in questo caso è solo la moglie che ha continuato ad effettuare gli adempimenti e sempre a proprio nome.
Inoltre, nel 2004, a seguito del decesso dell'altra comproprietaria, la moglie e figli ereditano il 25% della quota fino ad allora non in loro possesso.
A chi spettavano gli adempimenti (dichiarazione e versamenti ici) dal 1987 a oggi? E a seguito della successione del 2004 quali adempimenti dovranno effettuare sia la moglie che i figli?"

La situazione è un pò ingarbugliata, ma spero di essere stata chiara.

Grazie
                                                                                                                                                  Buongiorno,
premesso innanzitutto che non sono un esperto, ma solo uno che ha seguito un caso simile per se stesso, volevo darle la mia opinione:
1° caso:
- innanzitutto i minorenni non penso debbano adempiere a nessun obbligo fiscale, nonostante sul Catasto risultino intestatari di qualche bene, ma è sempre il loro legale rappresentante (genitore o tutore) a provvedere per loro;
- la casa è sicuramente rimasta alla moglie come sua "abitazione principale ", quindi a maggior ragione è lei in primis a dover pagare la tassa;
- anche se i figli sono poi diventati maggiorenni , secondo me in teoria dovevano compilare il modello di variazione ICI e versare la loro quota parte (e la madre quindi in proporzione di meno), ma se la tassa ha continuato  ad essere pagata in toto dalla madre, l'obbligo verso il Comune è stato comunque adempito, indipendentemente da chi lo abbia fatto.

2° caso:
- simile al precedente. In ogni caso la dichiarazione ICI doveva essere fatta a nome di tutti i comproprietari.  
- Non è specificato se l'altra proprietaria versava l'ICI per intero o solo la per sua parte. Se lo faceva per intero, vale secondo me quanto detto sopra; altrimenti, se versava solo la sua quota, la rimanente parte doveva essere versata in proporzione dagli altri contitolari, ognuno per la sua parte.

- Nel 2004 andava fatta nuovamente la dichiarazione ICI con i nuovi cambiamenti, ed ognuno doveva pagare la sua quota parte, a meno che sempre qualcuno non lo abbia fatto per tutti.

Attenzione che chi ha quell'immobile come abitazione principale paga di meno (v. detrazione), mentre che ce l'ha a disposizione deve pagare di più.
Un'altra sottigliezza: la dichiarazione ICI va compilata sempre in due copie: una per decesso del vecchio titolare e una per acquisizione dei nuovi, altrimenti poi il bene risulterà sempre a tutti quanti (duplicato).

Un ultima raccomandazione: consulti i tempi di prescrizione di eventuali avvisi mandati dal Comune , perchè spesso li inviano dopo prescritti!  Su internet o su questo sito è possibile consultare tutte le varie leggi a proposito.

Saluti - Antonio
                                                                                                                                                   
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.041 secondi con 18 query.