Il Forum dei Contribuenti
22 Ottobre 2017, ore 01:08:56 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: ATTENZIONE: PER REGISTRARVI NON UTILIZZATE EVENTUALI EMAIL DI TISCALI O HOTMAIL.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Errore sul pagamento della rata di saldo IMU 2012  (Letto 3252 volte)
avvenk
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1


« inserito:: 12 Dicembre 2012, ore 13:49:13 »

Buongiorno,
vorrei chiedere la seguente delucidazione se possibile.
Ho in proprietà con il coniuge un appartamento A/2 con pertinenze C/6 e C/2.
Per l'acconto dell'IMU 2012 mi sono fidato a suo tempo del sito del comune di Roma che mi ha calcolato in automatico la pertinenza C/2 come altro fabbricato (aliquota 7,6 per mille), facendomi quindi pagare due quote con i codici tributo 3912 (€.60,00), 3918 (€.3,00) e 3919 (€.3,00) invece che il solo codice tributo 3912 per €. 63,00.
Facendo il calcolo per il saldo ho considerato il solo codice tributo 3912 (come dovrebbe essere) e detratto l'acconto già pagato di €.66,00 (per due quote, €.132,00) ed il totale da pagare è risultato essere due quote di €.129,00 (che ho già versato).
Ora il dubbio che mi è venuto è che avrei dovuto decurtare solo l'acconto precedentemente versato per il codice tributo 3912 (quindi 60+60= €.120,00) e le due quote sarebbero dovute essere di €.135,00 cadauna (perdendo quindi i precedenti 12,00 euro in totale versati errroneamente per i cod. tributo 3918 e 3919 non dovuti).
Qualcuno sa dirmi come posso fare per sanare la situazione oppure se non devo fare nulla ?
So che esiste la modalità del ravvedimento operoso, ma in realtà la data per il pagamento non è ancora scaduta.... potrei compilare due nuovi F24 con la sola differenza di €.6,00 cadauno, ma qui le detrazioni andrebbero messe ? Come faccio sbaglio ?
Ringraziando in anticipo,
Ciao, Luca 
Registrato
cafca
Iscritto super
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 88


« Risposta #1 inserito:: 14 Dicembre 2012, ore 18:59:53 »

Nel caso specifico vanno verificate, in primo luogo, le pertinenze. Occorre cioè controllare che non ve ne sia qualcuna inglobata nell'abitazione principale, nel senso che abitazione e pertinenza risultino accatastate congiuntamente e siano rappresentate da un unico identificativo catastale e da un'unica rendita.
Ne consegue, ad esempio, che se l'appartamento ha come pertinenze una cantina ed un solaio (entrambe di categoria catastale C/2) e la loro rendita sia inglobata in quella dell'appartamento cui esse accedono, l'Imu non potrà essere pagata con modalità agevolate per entrambe, ma solo per una di esse, mentre l'altra va calcolata come altro fabbricato con aliquota ordinaria dello 0,76%.
Qualora risulti che il suo appartamento è dotato solo di due pertineneze (C/6 e C/2), autonomamente accatastate, può sanare l'errore commesso con il versamento dell'acconto, inviando a un qualsiasi ufficio dell'Agenzia delle Entrate e al Comune impositore un'istanza di correzione (in carta libera) secondo il fac-simile allegato alla circolare n. 5/E del 21 gennaio 2002, che può trovare nella seguente pagina: http://www.dossier.net/guida/ravvedimento01.htm.
Se può esserle utile, le consiglio la lettura della risoluzione 13 dicembre 2012 n. 2/DF del Ministero delle Finanze che contiene le risposte a quesiti molti frequenti:
http://www.dossier.net/guida/norme/r1202.htm.
Buon fine settimana.
« Ultima modifica: 18 Dicembre 2012, ore 18:09:22 da cafca » Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.036 secondi con 18 query.