Il Forum dei Contribuenti
20 Ottobre 2017, ore 03:31:11 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: TALI PROVIDER NON INOLTRANO IL MESSAGGIO AUTOMATICO CONTENENTE LA PASSWORD.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: 1/12 DI CASA EREDITATA - ICI seconda casa  (Letto 4206 volte)
bagongo18
Iscritto junior
**
Scollegato Scollegato

Messaggi: 7


« inserito:: 16 Dicembre 2011, ore 18:51:24 »

buonasera,
mia moglie, orfana di madre, ha ereditato, a seguito della morte del nonno materno, parte dell'appartamento di proprietà del defunto e della nonna materna, ancora vivente e ivi residente.
Il decesso è avvenuto il 26/11/2010, la successione è stata definita a luglio 2011.
Quesiti:
1) mia moglie deve pagare l'ici seconda casa, anche se l'appartamento è occupato dalla nonna vivente? presumo di si, in quanto è un'imposta sulla proprietà.
2) per il pagamento dell'ICI "seconda casa" quale data di riferimento occorre prendere? la data di decesso del nonno (26/11/2010) oppure quando è stata definita la successione (luglio 2011)?
3) dopo aver compilato e pagato il bollettino postale, per il quale occorre tener presente anche il ravvedimento operoso per il ritardato pagamento, bisogna - comunque - comunicare al Comune di aver provveduto al citato ravvedimento operoso. Oppure basta il semplice segno di spunta nel bollettino postale ( ravvedimento - indicato al punto 9)?
grazie
Registrato
rag_mario
Iscritto senior
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 44


« Risposta #1 inserito:: 19 Dicembre 2011, ore 10:11:04 »

Se non ho capito male la moglie del defunto vive tutt'ora nell'abitazione, se così fosse essa potrebbe avvalersi del diritto di abitazione del coniuge superstite in quanto casa di convivenza con il decuius (deceduto) ma dovrebbe fare la dichiarazione ICI annotando che si avvale di tale diritto che gli da la possibilità di accollarsi diritti e doveri al 100% dell'immobile. Se invece non si avvale di tale diritto come previsto dal codice civile allora tutti gli eredi sono soggetti al versamento relativo alla loro quota di possesso.
Per il ravvedimento operoso non necessita di nessuna comunicazione ma per maggior sicurezza le conviene chiedere all'ufficio tributi del comune interessato il quale potrebbe aver previsto altro nel proprio regolamento.
La data di riferimento è sempre quella dell'avvenuto cambiamento di proprietà ossia la data del decesso.
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.035 secondi con 18 query.