Il Forum dei Contribuenti
18 Ottobre 2017, ore 14:55:56 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizia: ATTENZIONE: PER REGISTRARVI NON UTILIZZATE EVENTUALI EMAIL DI TISCALI O HOTMAIL.
 
   Indice   Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: accanimento ICI  (Letto 4366 volte)
samuele
Nuovo iscritto
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


« inserito:: 30 Giugno 2011, ore 13:43:04 »

Sempre in merito all'ici, il nostro comune presa alla lettera la sentenza 14389 del 15/6/2010 della Cassazione, ha inviato a tutti e due i coniugi residenti in due case diverse nello stesso comune, avvisi di accertamento 5 anni indietro per non aver pagato l'ici al 7/1000 (invece avevano avuto l'agevolazione come prima casa). Il padre aveva presentato dichiarazione ici nel 2005 di aver ceduto la casa in oggetto all'unica figlia che ci si è trasferita dalla dichiarazione.
La figlia sposata dal 1996, aveva residenza da quando è nata in casa dei genitori e mantenuta lì fino al 2005, e poi casa nuova per intestare tutte le bollette ha preso la residenza nell'immobile dato a titolo gratuito  a lei .
Agli accertamento ici notificathi al padre era stato richiesto nei termini di 60 giorni  l'annullamento perchè l'ufficio tributi si era perso la dichiarazione ici regolarmente presentata nel 2005. Oggi è pervenuto sempre al padre il rigetto della richiesta di annullamento perchè la figlia non è residente con il marito, il quale anche lui dal 1996 è rimasto residente nella sua abitazione. Ma residente  o non residente la figlia che non ha altre proprietà immobiliari in nessuna parte d'italia ha diritto all'agevolazione ici? Quando nella legge si parla di ciò non si scrive figli sposati, non sposati...
Mi sono consultato con altri uffici tributi di altri comuni e questi ultimi stanno valutando la portata di tale sentenza e quindi la sua applicazione retroattiva con sanzioni e tutto il resto, e quindi non sono stati così zelanti come il mio.
Inoltre tali accertamenti ici sono stati fatti a sommo studio, a cavallo della scadenza della 1 rata ici 2011 (16 giugno), ciò  non pare un po' terroristica? Dato che il termine per il ricorso in commissione scade 8 luglio? Sono veramente arrabbiato. Faccio ricorso, spendo ma almeno combatto un po'.
Grazie
Samuele
 
Registrato
giufil
Iscritto attivo
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 11


« Risposta #1 inserito:: 09 Luglio 2011, ore 09:58:49 »

Hai letto il post a pagina 3 "Esenzione e riduzione ici a coniugi separati" a mio nome? Forse potrebbe interessarti. Mi pare si tratti di caso analogo. Cordiali saluti e auguri per la " battaglia "
Registrato
silver shadow
Iscritto attivo
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 20


« Risposta #2 inserito:: 10 Luglio 2011, ore 00:12:50 »

molto utile il parere pubblicato il 27/06/2011 dal consorzio dei comuni trentini sulla questione come risulta dal loro sito nella documentazione pareri ICI

http://www.comunitrentini.it/index.php/plain/content/download/14951/98049/version/1/file/abitazione+principale+nucleo+familiare+disgiunto.doc

in pratica come avevo già scritto sul thread "ICI E RESIDENZA CONIUGI" la non applicazione delle sanzioni era se non altro da prendere in considerazione anche eventualmente richiedendo la rettifica dell'avviso di accertamento

a mio modo di vedere il funzionario responsabile per L'ICI ha usato la mano pesante....
certo bisogna vedere se vale la pena fare ricorso anche in relazione alla differenza d'imposta accertata
« Ultima modifica: 10 Luglio 2011, ore 00:21:37 da silver shadow » Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2011, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
| Sitemap
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.045 secondi con 18 query.